Un canale di dialogo per condividere i vissuti emotivi con un team di psicologi: è l’iniziativa messa in campo da ASL1 rivolta ai cittadini per conoscere e approfondire i risvolti sociali dell’emergenza Coronavirus.

Dal 1 aprile è attiva la casella di posta elettronica: [email protected] a cui i cittadini possono inviare via mail, impressioni, stati d’animo, riflessioni sul vissuto quotidiano e il cambiamento delle relazioni con gli altri. Questo strumento, sperimentale, a disposizione della S.C. Psicologia di ASL1, consentirà di monitorare i riflessi sociali dettati dall’emergenza Covid-19 con un focus particolare sulla popolazione più fragile: bambini, anziani, persone sole, etc.

Come ASL1 ci siamo attivati attraverso diverse iniziative per affrontare un momento così delicato per la popolazioneafferma il Direttore Generale ASL1, Marco Damonte Prioli Abbiamo reso operativo il numero verde di informazione per il pubblico, due ambulatori di assistenza psicologica per gli operatori sanitari e i cittadini direttamente coinvolti nell’emergenza Covid. Questo nuovo canale di comunicazione avvia un’ulteriore forma di dialogo, un punto di osservazione per gestire meglio l’emergenza sotto il profilo sociale e psicologico”.

L’emergenza COVID-19 ha profondi riflessi che non sono esclusivamente sanitari, ma sono agiti nel mondo sociale a causa dei cambiamenti degli stili di vitaafferma il direttore di SC Psicologia ASL1, Roberto RaveraSi tratta di un evento di portata globale e di cui non vi sono precedenti. Al di là di sportelli meramente clinici e finalizzati ad una risposta sanitaria, è fondamentale aprire una forma di dialogo con la popolazione per ciò che riguarda il tema dei vissuti emotivi rispetto a questa situazione. Per tale ragione, è nata questa iniziativa che permetterà al nostro team di accedere alle riflessioni e ai contenuti emotivi che i cittadini stanno vivendo”.