video
04:08

Oggi è stato il giorno che il FAI – Fondo Ambiente Italiano ha presentato il suo nuovo gioiello tra i circa settanta che possiede in tutta Italia, otto dei quali in Liguria che è seconda solo alla Lombardia in questa speciale classifica italiana.

Villa San Luca, o Villa Laura, è uno dei beni più importanti acquisiti dal Fai, se non il più importante anche a livello mondiale” hanno detto gli esperti della delegazione del Fondo che si è presentata ad Ospedaletti al gran completo, con il suo vice-presidente Marco Magnifico in testa, affiancato da esperti d’arte e l’intera rappresentanza ligure, dalla presidentessa Roberta Cento Croce a tutti i delegati delle quattro province.

Villa San Luca si trova all’angolo di Via delle Palme, sull’antico circuito di Ospedaletti, ed è stata la residenza dei coniugi Luigi Anton Laura e Renata ‘Nera’ Salesi dal 1953. Loro due amavano dire ’62 anni insieme’, in giro per il mondo alla ricerca di oggetti preziosi che solo mercanti illuminati e appassionati d’arte come erano loro potevano scovare, circa seimila oggetti che rendono la loro villa più ricca di un ricco museo. Mancano solo i quadri di pittori famosi, e lo spiegava sornione lo stesso Gino Laura dicendo: “I quadri che vorrei costano troppo, non posso permettermeli..” e forse un po’ bluffava dato che al Fai questa straordinaria coppia oltre alla villa lasciò anche tanti soldi per poterla gestire.

Stamattina la villa ha aperto le sue porte in anteprima assoluta ai rappresentanti della stampa che hanno seguito un percorso guidato dagli esperti del Fai, e al termine della straordinaria e ubriacante full immersion tra capolavori provenienti da ogni dove, l’intera delegazione si è spostata nel centro culturale ‘La Piccola’ sul lungomare di Ospedaletti per la conferenza ufficiale alla quale hanno partecipato tante persone, accolte dal sindaco Daniele Cimiotti, dalla vice-sindaco Anna Bregliano, dagli assessori Salimbeni e De Vai, dal vice-presidente della Regione Liguria Alessandro Piana, dai parenti dei coniugi Laura, e da tante persone attratte dall’occasione.

Sul sito ufficiale di Villa San Luca gestito dal Fai si legge: “Il FAI presenta Casa e Collezione Laura a Villa San Luca, Ospedaletti (IM), donate da Luigi Anton e Nera Laura nel 2001 ed entrate a pieno titolo tra i 68 Beni della Fondazione a giugno 2021, deceduta Nera Laura che aveva mantenuto l’usufrutto della casa, abitandovi, negli ultimi vent’anni. Il FAI raccoglie questa eredità, basata su un lungo rapporto di conoscenza e fiducia e sulla generosa e civile partecipazione dei coniugi Laura alla sua causa, e nel rispetto delle loro volontà si propone di tutelare, conservare e valorizzare questo luogo speciale, per sempre e per tutti com’è nello spirito della sua missione, aprendolo al pubblico a cominciare dalla cittadinanza di Ospedaletti”.

“Dal 1953 Villa San Luca è stata la residenza di Luigi Anton Laura, noto ed esperto antiquario, e di sua moglie Renata Salesi, detta Nera. I coniugi Laura sono stati una coppia affiatata nella vita e nella professione, animata da un’autentica e sempre condivisa passione per l’arte, nutrita di studio e ricerca costanti, che si riflette in questa casa come nella loro creazione più accurata e sentita, il capolavoro di una vita. Casa Laura è il sorprendente scrigno che racchiude la loro originale e personalissima raccolta d’arte, in particolare d’arte applicata, eccezionale e unica in Italia e in Europa: circa seimila pezzi di altissima fattura tra mobili italiani, europei e cinesi, porcellane, sculture, maioliche, argenti e antichità orientali, raccolti con intuito da antiquari, sapienza da intenditori e spirito da collezionisti, in viaggi ricorrenti per lavoro o “di studio” nelle capitali europee, e in vere e proprie avventure in giro per il mondo, fino al Medio e all’Estremo Oriente. Una casa talmente piena di mobili e oggetti d’arte di rara qualità e di diversa provenienza, accostati con gusto e sapienza, in maniera originale e mai casuale, da somigliare a un museo, appositamente costruito per farvi “abitare” la collezione, più che la famiglia, e allestito per suscitare curiosità e meraviglia agli occhi di ospiti e clienti, con abilità da scenografo dello stesso Luigi Anton Laura, che tra le pareti domestiche ha voluto mettere in scena, con la moglie, un sogno: il sogno di un collezionista. Un patrimonio, che non risiede solo nella collezione, ricchissima e istruttiva come un manuale di arti applicate, o nella casa, suggestiva come un’opera d’arte in sé, ma anche nello spirito dei proprietari, due persone speciali, Luigi Anton e Nera Laura, antiquari d’altri tempi, che hanno vocato la loro attività, e dedicato la loro stessa vita, all’esperienza della cultura, spinti da un’insaziabile sete di conoscenza”.

Villa San Luca sarà eccezionalmente aperta alle visite dei soli residenti di Ospedaletti sabato 27 e domenica 28 novembre, gratuitamente e su prenotazione sul sito www.faicasalaura.it. Dal 25 febbraio 2022 sarà aperta su prenotazione

Nel video servizio di RivieraTime le interviste a Marco Magnifico, volto noto della televisione spesso ospite di Striscia la Notizia quando si presentano iniziative del Fai, e all’inventore del tg satirico di Canale5, Antonio Ricci che è uno dei massimi sostenitori dell’attività svolta dal Fondo Ambiente Italiano.

Articolo precedenteImperia: inaugurata una nuova installazione dedicata a San Leonardo nel giorno del patrono
Articolo successivoDiano Castello: inaugurate le “Panchine Rosse”