La Torre dell'Alpicella a Diano Gorleri

Immersa nel verde della pineta chiamata ‘Pini del Rosso’ a Diano Gorleri, la Torre dell’Alpicella faceva parte del sistema di avvistamento e segnalazione per contrastare le scorribande barbaresche sulla costa e nell’immediato entroterra.

La torre si trova nel punto più alto di Capo Berta, a 267 m sul livello del mare, con un’ampia visuale sulle acque e sul territorio del Golfo Dianese.

La forma circolare e la posizione della torre dell’Alpicella potrebbero indicare anche un mulino a vento, tuttavia lo spessore della muratura, in pietra grezza locale, e la collocazione della porta d’ingresso a nord-est, soprelevata rispetto al piano di campagna – secondo una ricorrente pratica difensiva – suggeriscono invece la destinazione a torre d’avvistamento.

La torre è sormontata da una copertura tronco-conica, di cui non sono noti altri esempi, ed è pertanto difficile individuarne il costruttore e la datazione. Sia la progettazione che la costruzione delle difese costiere erano infatti affidate all’iniziativa locale, a meno che non esistessero ragioni strategiche importanti, tali da consigliare l’intervento diretto della Repubblica. Si seguivano quindi criteri costruttivi personali a volte ricorrenti, il che consente in qualche caso di datare le torri e ricondurle al loro artefice.

La torre si trova nell’entroterra di Diano Marina nella frazione di Diano Gorleri in zona Colle San Leonardo.

Oggi la costruzione è quasi del tutto nascosta dalle piante e versa in condizioni di semiabbandono, con scritte e graffiti che ne deturpano la superficie; tuttavia, la Torre dell’Alpicella conserva il potere di evocare il fascino di epoche lontane.