Si è tenuta ieri sera la presentazione dei risultati ottenuti negli scavi archeologici di Capo Don a Riva Ligure. 

Il progetto è condotto dal Pontificio Istituto di Archeologia Cristiana, dall’università di Aix Marseille, dalla Fondazione Nino Lamboglia ed è sostenuto dal Comune di Riva Ligure e dalla diocesi di Ventimiglia-Sanremo. A collaborare agli scavi sono circa trenta studenti provenienti dalle università italiane e straniere.

“Le operazioni svoltesi quest’anno hanno permesso di confermare delle teorie elaborate precedentemente, come la presenza di una viabilità secondaria che collegava la villa alla Via Iulia Augusta, che non abbiamo ancora trovato ma supponiamo dovesse correre più a monte del sito di Capo Don”, spiega Alessandro Garrisi, direttore scientifico insieme al prof. Philippe Pergola.

Durante la serata il sindaco Giorgio Giuffra ha annunciato l’apertura nei primi giorni di agosto di uno Spazio Espositivo Multimediale dedicato al patrimonio artistico di Riva Ligure. “Credo che quest’anno il lavoro sugli scavi sia stato importante e finalmente Riva Ligure avrà un Antiquarium dove godere dei tanti reperti recuperati nei nove anni di campagne scavi”, afferma con piacere.

Nel servizio di Riviera Time tutti i dettagli dei risultati raggiunti e le interviste al sindaco Giuffra, al direttore Garrisi e al Presidente del Consiglio Comunale Martina Garibaldi.