video

Da circa due mesi le palestre sono chiuse a causa delle restrizioni covid-19. I vari cambi di colore che si sono succeduti non hanno mai nemmeno ipotizzato una loro riapertura.

Per cercare di fare il punto di una situazione sempre più complessa abbiamo raggiunto Dennis Giusto personal trainer e titolare di alcune palestre ponentine.

“Il 15 scade il decreto e quindi dovrebbero dirci le nuove direttive – esordisce. Ci verrà detto se apriamo e, soprattutto nel caso di risposta affermativa, come farlo. Crediamo che ci potranno essere ingressi ancora più contingentati e regole più restrittive. I costi di gestione sono sempre altissimi”.

Sui contributi ricevuti: “Anche quello che è arrivato è niente in base ai quattro mesi di mancato incasso su un fatturato annuale”.

Dello stesso avviso la collega Rossella Prunetti: “C’è molta agitazione – dice. Non solo tra gli utenti, ma anche tra i professionisti del fitness. Tante aziende rischiano di chiudere. Il secondo lockdown ci dà un altro colpo”.

Le interviste complete nel videoservizio di Riviera Time.

Articolo precedenteSanremo, i risultati del Comitato PEBA e dall’amministrazione comunale per l’eliminazione delle barriere architettoniche in città
Articolo successivoImperia: al via i lavori di rifacimento della passeggiata a Borgo Foce, a seguire l’intervento a Borgo Marina. Sopralluogo del sindaco Scajola sul cantiere