[beevideoplayersingle adstype=”video-ads” videourl=”https://vimeo.com/253642820″ videoadsurl=”https://vimeo.com/246872227″]
Nel centro storico di Vallecrosia Alta si trova una bottega molto particolare, la “Grotta dell’arte povera“, dove lavora la signora Maria Brezzo, che da quando è andata in pensione ha deciso di dedicarsi all’arte della decorazione, in particolare del découpage.

Il découpage è una tecnica decorativa, il cui nome deriva dal francese découper, ovvero ritagliare. Nota in Italia come “lacca povera o arte povera“, era stata introdotta nel XVIII secolo dai mobilieri veneziani per abbreviare i tempi di realizzazione di mobili laccati a cineseria o con scene galanti di gusto tipico del ‘700, incollando stampine ritagliate e dipinte.

Articolo precedenteBaggioli a Riviera Time: “Se questo collegio è blindato, è perché abbiamo lavorato bene sul territorio”
Articolo successivoVallecrosia al voto, Quesada: “Siamo pronti, a giorni l’annuncio. Vogliamo essere la lista del riscatto”