[beevideoplayersingle adstype=”video-ads” videourl=”https://vimeo.com/200811217″ videoadsurl=”https://vimeo.com/224092271″ adsurl=”https://www.sialpieve.com/”]Non sono più gli anni d’oro della floricoltura, ma nel Ponente ligure il settore non è per nulla intenzionato ad alzare bandiera bianca. Lo dimostrano i tanti operatori, che ogni giorno – nonostante le mille difficoltà che si pongono loro innanzi – portano avanti una delle eccellenze della Riviera. E lo dimostrano i dati del Mercato dei Fiori, che non sarà più quello di un tempo e giocoforza si è dovuto adeguare ai cambiamenti, ma che ha riscoperto nell’ultimo periodo numeri incoraggianti.

Passione e duro lavoro sono alla base della resistenza della floricoltura. Ma c’è un terzo elemento che in questi anni ha permesso a molte aziende di resistere alle avversità economiche e di affrontare i cambiamenti e le trasformazioni del mercato. Si tratta della ricerca, dell’innovazione tecnologica, ingrediente chiave della floricoltura del Terzo Millennio. In questo speciale, Riviera Time vi porta all’interno del mondo della floricoltura, con tutte le sue difficoltà, le sue eccellenze e le sue novità.

Articolo precedente1988 – Nei negozi si può pagare col bancomat
Articolo successivoRai: “Il Festival non pesa sui contribuenti, anzi è una risorsa”