Concorsi pubblici truccati. È questo il sospetto della Procura della Repubblica di Imperia nei confronti dei concorsi avvenuti nei mesi scorsi e banditi da Rivieracqua, la società a totale capitale pubblico creata per gestire il servizio idrico integrato provinciale.

Ieri, gli agenti del Nucleo di Polizia Tributaria della Guardia di Finanza di Imperia hanno effettuato alcune perquisizioni nei confronti di alcuni amministratori e dirigenti della società pubblica.

Secondo l’ipotesi investigativa ci sarebbero stati dei favori nei confronti di alcuni, attraverso l’anticipazione degli argomenti oggetto della prova d’esame.

Sono cinque le persone iscritte nel registro degli indagati in quanto coinvolte, a vario titolo, nell’inchiesta. Tra queste anche uno dei vertici della società, presieduta dall’avvocato Massimo Donzella e diretta da Gabriele Saldo.