regione liguria

La Giunta regionale, su proposta dell’assessore alla Sanità Angelo Gratarola ha approvato il piano regionale di coordinamento per la realizzazione dei forni crematori con l’obiettivo di offrire alla popolazione un servizio efficiente, omogeneo e diffuso di impianti di cremazione, garantendo al contempo la tutela della salute e dell’ambiente.

“Il Piano regionale di Coordinamento per la Realizzazione dei Crematori – spiega l’assessore alla SanitĂ  Angelo Gratarola – in base all’analisi statistico-demografica effettuata, non prevede allo stato attuale la necessitĂ  di realizzazione di nuovi impianti crematori o ampliamenti di quelli esistenti. Qualora però i Comuni dimostrino la necessitĂ , sulla base dei dati statistico-demografici relativi a popolazione residente, indice di mortalitĂ  e scelta crematoria da parte dei cittadini del territorio, di realizzazione di nuovi impianti o modifica o ampliamento degli esistenti, il Piano ne definirĂ  l’iter autorizzativo”.

A seguito di parere positivo da parte di Regione in base ai criteri riportati nel Piano, il Comune potrĂ  procedere ad ottenere gli ulteriori pareri e autorizzazioni necessari in base alle norme vigenti. Qualora poi pervengano richieste di nuove installazioni, ampliamenti o comunque modifiche che comportino potenziali effetti sulle emissioni inquinanti, con conseguente necessitĂ  di variazione del Piano, lo stesso dovrĂ  essere sottoposto a verifica di assoggettabilitĂ  a Valutazione Ambientale Strategica.

Il Piano stabilisce anche linee di indirizzo relative a indicazioni minime per la valutazione degli aspetti sanitari per gli impianti di cremazione sul territorio e ne stabilisce i requisiti impiantistici, prestazioni emissive e indicazioni gestionali per gli impianti di cremazione. Il Piano sarĂ  adeguato alle disposizioni che potranno intervenire con la futura normativa nazionale sugli aspetti tecnici.