Rallye Monte-Carlo

Mentre al di qua della frontiera cresce l’attesa per la 72esima edizione del Festival di Sanremo, subito aldilà del confine fervono gli ultimi preparativi per celebrare la 90esima edizione del ‘Rallye Monte-Carlo’ che storicamente inaugura il Campionato Mondiale Wrc.

Da lunedì 17 a mercoledì 19 gennaio sono in programma le ricognizioni del percorso, che gli organizzatori definiscono nuovo al 95% rispetto all’anno scorso, e da giovedì 20 gennaio scatterà la sfida che potrà essere indicativa su chi riuscirà a succedere a Sebastien Loeb sul trono iridato.

Lo start ufficiale del ‘Monte’ verrà dato alle 18,45 dall’iconica Piazza del Casinò, una passerella glamour che permette agli spettatori presenti di osservare da vicino tutte le meravigliose auto in gara prima di inevitabili ritiri e incidenti rovina carrozzerie. Ma già dopo un’ora e mezza partirà la prima prova speciale Luceram/Lantosque di 15 km con via alle 20,18. A seguire un’altra speciale molto conosciuta, La Bolléne-Vésubie/Moulinet con passaggio sul mitico Tourini a partire dalle 21,31.

Le auto faranno poi ritorno nel parco chiuso che quest’anno sarà realizzato nel Principato, saltando provvisoriamente Gap, per permettere di organizzare, salvo Covid, alcuni eventi celebrativi previsti per festeggiare il novantesimo rally.

La gara riprenderà alle 9,14 di venerdì con tre prove speciali ai piedi del parco del Mercantour da percorrere due volte con raggruppamento previsto a Puget-Theniers per un totale di 98km cronometrati. E saranno 92,5 i chilometri da affrontare in ‘speciale’ anche il giorno dopo, sabato 22 gennaio con cinque prove anche su percorsi inediti.

Il Monte-Carlo finirà domenica 23 con le ultime quattro prove speciali, per altri 67km cronometrati, al termine delle quali è previsto l’arrivo e la premiazione alle ore 14 nuovamente nella Piazza del Casinò.

Toyota, detentrice del titolo ’21, Hyundai, Ford e Skoda sono i marchi ufficiali alla partenza con i loro piloti di fama mondiale. Ogier, Evans, Rovampera e Katsuta tutti su Toyota avranno il numero 1, 2, 4 e 6; la Hyundai risponde con Neuville (n.3), Tanak (n.5) e Solberg (10); la Ford schiera Breen (7), Greensmith (8), Fourmaux (9) e Loeb (11) mentre la Skoda ha iscritti, dal numero 12 al 14, Mikkelsen, Bulacia e Gryazin.

Altra novità per chi il rally se lo vuole gustare da casa arriva dalla conferma che Sky si è aggiudicato i diritti per trasmettere tutto il Mondiale Wrc 2022.

Articolo precedenteVentimiglia, alla biblioteca Aprosiana la presentazione del nuovo libro di Fabio Bertino “Binari”
Articolo successivoFrontalieri, Parodi (Fai): “A rischio gli assegni familiari e non solo”