L’Amministrazione del Comune di Vallecrosia nel venire a conoscenza, tramite i suoi contatti con i vertici delle Suore della Carità, della trattativa in corso con le Misericordie per il futuro dell’Istituto Sant’Anna, insieme ai genitori, agli alunni ed il personale tutto, condivide la volontà di agevolarne al massimo il buon esito, in coerenza con la sua mediazione dei delicati rapporti, che fino ad ora, ha garantito che essi non venissero deformati e messi in pericolo dalla deriva politica che questa campagna elettorale poteva determinare.

Prosegue l’Amministrazione: “Il ruolo di ente pubblico limita le possibilità d’intervento di un Amministrazione che deve, per garantire l’equità con i suoi cittadini, gestire un difficile equilibrio tra la volontà di mantenere sul territorio una realtà molto importante e storica per Vallecrosia ed evitare di pregiudicare i rapporti di forza economici e sociali che un impossibile intervento diretto avrebbe potuto innescare. Siamo quindi, come sempre, più che disponibili a operare con ogni mezzo possibile affinché questa trattativa possa concludersi nel modo migliore per la città ed il territorio. E’ nostra intenzione verificare che ogni intervento abbia come obbiettivo il mantenimento della struttura e della sua funzione culturale per il più lungo periodo possibile, cercando di proteggere quel patrimonio che nel tempo è stato creato e che tanto a dato alle generazioni che sono cresciute all’ombra della torre saracena. Noi siamo stati e saremo sempre presenti, l’obbiettivo che ci siamo posti, quello di operare per il futuro dell’Istituto e di ciò che rappresenta, è ad un passo dalla realizzazione e chiediamo alle Misericordie di impegnarsi al massimo per soddisfare le aspettative che molti di noi hanno in questa trattativa. Vogliamo, il prossimo anno, e quelli successivi, poter contare sulla possibilità che i bambini di Vallecrosia ed i loro genitori, come da sempre, possano scegliere tra gli Istituti di Vallecrosia anche quello di Sant’Anna”.