Ippocedri al telefono donazione alla Croce Bianca

Grande successo per l’iniziativa ‘Ippocedri al telefono’ lanciata dall’omonima associazione Ippocedro, nata in ricordo dell’indimenticato Luciano Calzia.

Durante il periodo d’isolamento l’associazione ha infatti raccolto storie, aneddoti, marachelle tra bambini, ragazzi e anche adulti per creare poi un e-book tutto da gustare.

Oltre 100 i partecipanti e 600 euro il ricavato delle offerte ricevute per il download del libro, interamente devoluti alla Croce Bianca di Imperia come spiegato oggi da Annalisa Calzia, presidentessa dell’associazione e da Roberto Trincheri e Paolo Pastorelli rispettivamente presidente e segretario della Croce di viale della Rimembranza.

Quella odierna non è la prima donazione che la stessa Calzia promuove nei confronti della croce come ricordato da Trincheri. Già nel periodo di lockdown la pubblica assistenza aveva infatti ricevuto mascherine attraverso l’associazione ‘Liberi di andare’.

Per questa ragione Annalisa Calzia e, in generale l’associazione Ippocedro, ha ricevuto il gagliardetto e la spilla della Croce Bianca, disegnata da Vento Forato, e ormai divenuta simbolo della lotta anticovid e di tutti coloro che in prima linea, o con aiuti concreti, l’hanno combattuta.

Le immagini della conferenza e le parole di Annalisa Calzia e Roberto Trincheri nel videoservizio di Riviera Time.

Articolo precedenteImperia, riaprono i musei cittadini e a Villa Faravelli spunta un nuovo murales
Articolo successivoDue tartarughe azzannatrici e una alligatore nel lago di Lucinasco, intervento dei Carabinieri Forestali