INT_Andrea Spinosi 04082020

Poco più di un anno di amministrazione Scullino a Ventimiglia. Poco più di un anno da presidente del Consiglio Comunale per Andrea Spinosi che, ospite negli studi di Riviera Time, ha tracciato un bilancio dell’attività svolta fin qui.

“Stiamo impostando il lavoro non solo su manutenzione, riordino e abbellimento della città, ma stiamo guardando anche a opere che hanno scadenza un po’ più avanti – spiega. Una di questa la viabilità alternativa all’Aurelia, oggi unica via che attraversa la città. Stiamo valutando un progetto che dovrebbe comprendere una via di scorrimento lungo i binari sotto la zona di San Secondo. Stiamo poi puntando in particolare sull’ambiente e la qualità di vita, Ventimiglia ha delle bellezze incredibili che vanno valorizzate. Vogliamo che questo porti in città nuovi turisti che possano dare respiro all’economia di una città che rimane comunque prettamente commerciale.

Al termine di questo primo anno – aggiunge Spinosi – ho deciso di parlare, domani sera, di questa mia attività insieme a un po’ di amici che incontrerò in maniera informale per illustrare ciò che stiamo facendo in città”.

Una delle pratiche che più hanno fatto discutere nell’ultimo periodo è certamente quella legata alla Dimar che Spinosi commenta così: “Si tratta di una vecchia pratica che ci arriva dall’amministrazione precedente e riguarda la creazione di quattro medie superfici di vendita in località Bevera. Ha avuto un po’ di dubbi da parte delle associazioni di categoria e dei commercianti, giustamente, perché bisogna considera che per com’è struttura Ventimiglia è già di per sé un centro commerciale con circa mille attività. Nell’ultimo consiglio abbiamo approvato l’utilità pubblica di questo investimento sia in termini di posti di lavoro, sia per gli oneri che vengono pagati al comune e possono essere utilizzati per costruire parcheggi, una delle carenze della città”.

Oggi invece, nella città di confine, arriverà Matteo Salvini leader della Lega: “Per noi è un onore ricevere il nostro segretario che viene in città in un momento di nuovo difficile. Se la città ha avuto un periodo di respiro per ciò che riguarda i migranti è stato quando Salvini era ministro dell’Interno perché ha interrotto gli sbarchi. Oggi invece siamo tornati a come eravamo tre anni fa stretti tra il martello costante degli arrivi continui e l’incudine della Francia che blocca chiunque tenta di passare. Quella attuale non è accoglienza. Bisogna studiare un sistema serio”.

Inevitabile, a circa un mese e mezzo dal voto, un accenno alle elezioni regionali per le quali Spinosi ha dato disponibilità all’eventuale candidatura: “Finalmente il Governo ha deciso di farci votare. Qualche mese fa Rixi ha chiesto di avere dei nomi da valutare da tutte le sezioni, compresa quella di Ventimiglia. Le hanno sul tavolo e credo che nei prossimi giorni valuteranno chi sono i candidati migliori. Sono in Lega da 26 anni e pronto a fare ciò che ci chiederà il partito”.

Sulla scelta di Giacomo Chiappori di correre singolarmente con Grande Liguria dice: “Chiappori è un animale politico ed è quello che mi ha fatto entrare in Lega, insieme a Sonia Viale, 26 anni fa. Riconosco quindi un grande acume politico in lui, mi auguro però che si possa trovare una quadra per evitare spaccature che sarebbero deleterie”.

Nel videoservizio di Riviera Time l’intervista completa ad Andrea Spinosi.