video

“La pressione è sempre elevata. La positività continua a essere alta e i ricoveri sono sempre presenti. Attualmente abbiamo due rianimazioni attive all’ospedale di Sanremo”. Il direttore socio sanitario dell’Asl 1 Imperiese Roberto Predonzani fa, in questo modo, il punto sull’attuale situazione dell’emergenza coronavirus nella nostra provincia.

Predonzani è stato ospite negli studi di Riviera Time per parlare dell’azienda sanitaria locale e di quanto stia facendo in questa lunga battaglia al virus.

“L’avvio della vaccinazione degli under 80 è un momento importante – dice il dottore. Partiremo poi anche con gli ultra vulnerabili che presentano patologie più o meno gravi e con i disabili”.

L’obiettivo, dichiarato anche dal direttore generale Silvio Falco, è quello di mettere in sicurezza la maggioranza della popolazione della provincia entro l’estate. Un traguardo che, secondo il dottor Predonzani, si può raggiungere nonostante lo stop, temporaneo, della vaccinazione AstraZeneca: “Il blocco è stato solo di alcuni giorni – sottolinea. AstraZeneca è stata riavviata e si è in attesa anche dei vaccini Johnson & Johnson“.

Potrebbe essere l’apporto di quest’ultimi il punto di svolta? “La svolta sarà utilizzare tutti i vaccini disponibili di qualsiasi tipo essi siano. La popolazione italiana è numerosa e un solo vaccino non garantirebbe tutte le persone. Le rinunce ad AstraZeneca sono state limitate, c’è stata una maggiore richiesta di informazioni da parte delle categorie alle quali, in questa fase, è dedicato il vaccino”.

Conclusione dedicata alla vaccinazione nelle farmacie in partenza nei primi giorni di aprile: “È un passaggio importante perché questo vuol dire una maggiore offerta – spiega il direttore. Le farmacie della provincia si stanno attrezzando e a brevissimo dovrebbero partire”.

L’intervista completa al dottor Roberto Predonzani nel videoservizio di Riviera Time.

Articolo precedenteImperia, l’assessore Giribaldi: “Sollecitati pagamenti Tari ad alcune centinaia di contribuenti che hanno già pagato. A breve riceveranno il provvedimento di sgravio”
Articolo successivoSciopero del trasporto pubblico locale per domani, 26 marzo