video
03:00

Un taglio del nastro dedicato alla celebrazione dei 15 anni di Casa Sanremo e una diretta streaming dallo studio televisivo allestito nella Lounge hanno dato il via all’edizione 2022 dell’hospitality ufficiale del Festival realizzata da Consorzio Gruppo Eventi in partnership con Rai Pubblicità, trasmessa in streaming su Casa Sanremo TV (dall’app e dal sito) e sulla pagina Facebook di Casa Sanremo.

A moderare l’evento, che ha visto come padrone di casa Vincenzo Russolillo, presidente Consorzio Gruppo Eventi, ideatore e produttore di Casa Sanremo, la conduttrice Veronica Maya insieme a Savino Zaba che saranno rispettivamente alla guida dei format “L’Italia in Vetrina” e “Buongiorno Sanremo” su Casa Sanremo TV, il cui palinsesto prenderà il via lunedì 31 gennaio con tanti appuntamenti e l’intervento di ospiti illustri e degli artisti in gara.

Vincenzo Russolillo ha accolto gli ospiti che lo hanno accompagnato nella presentazione di Casa Sanremo, che continua il trend di cambio al passo con i tempi iniziato lo scorso anno, con la nascita di una Tv Digitale su App e su Smart TV interamente dedicata. Una ClubHouse accoglierà nuovi format televisivi ed attività culturali oltre agli appuntamenti di responsabilità sociale. Novità di quest’anno la nascita di “The Club”, il contest dedicato al mondo della notte e ai tanti dj che da due anni sono fermi in attesa di tempi migliori.

Con il patron, presenti al taglio del nastro, il sindaco di Sanremo Alberto Biancheri, il vicepresidente regionale Alessandro Piana e gli assessori Gianni Berrino, Marco Scajola e Ilaria Cavo.

“Sono stati 15 anni caratterizzati da un crescendo di emozioni e voglia di migliorarsi per creare un appuntamento sempre più bello e ricco di novità”, ha commentato Vincenzo Russolillo, aggiungendo: “Casa Sanremo ha saputo adattarsi ai tempi che stiamo vivendo cambiando pelle. È un compleanno impegnativo e, come lo scorso anno, un momento di prova importante che ci ha messo davanti a una nuova sfida. Casa Sanremo quest’anno sarà diverso rispetto al 2020 così come al 2021: un ibrido con uno sguardo al futuro, sempre con una particolare attenzione ai protocolli sanitari”.

“Sanremo è un evento che ci rappresenta nel mondo e che offre la possibilità ai turisti e ai cittadini di vivere il Festival anche al di fuori dell’Ariston. Stiamo attraversando ancora un momento difficile ma, rispetto allo scorso anno, abbiamo un teatro al 100%, il ‘green carpet’ e tante altre attività collaterali. Sono sicuro che tra un anno ci troveremo qua con una Casa Sanremo che ripartirà dalle novità già portate nel 2020 e messe in soffitta, visto il periodo storico in corso, ampliandole”, gli ha fatto eco il sindaco Biancheri.

Nel video-servizio a inizio articolo le immagini del taglio del nastro e le interviste a: Alessandro Piana, Gianni Berrino e Marco Scajola.