video

Ha fatto tappa al Villaggio dei Fiori di Sanremo, il camping più bello della Liguria, il tour di quattro giorni ‘In moto dalle Alpi al Mare’ organizzato dal tour operator piemontese Fabrizio Bruno che da tanti anni dirige l’agenzia Culture Lontane.

Questa volta l’invito a partecipare è stato rivolto ad un gruppo di giornalisti e foto/cine operatori che al termine del percorso pubblicheranno un resoconto sui loro blog, siti e riviste di settore. Considerato che tutti i partecipanti hanno espresso la loro piacevole sorpresa per aver scoperto l’incanto di questi luoghi, i panorami mozzafiato, la biodiversità e le specialità eno-gastronomiche, la promozione del nostro entroterra è garantita.

“Sono stato incaricato di organizzare questo ‘educational tour’ con l’agenzia che dirigo da parte delle aziende turistiche locali del cuneese – dice Fabrizio Bruno – e ho portato questo gruppo di giornalisti a conoscere le strade intervallive del basso Piemonte sino all’incontro con le vostre Alpi Liguri, il clima unico, le strade percorribili anche fuori stagione e la conseguente possibilità di ampliare il periodo turistico con l’utilizzo delle moto, un invito in particolare a tutti gli appassionati che vivono nelle aree metropolitane del nord che a ottobre e novembre la moto la mettono in garage”.

“Il rientro di questo tour – prosegue – prevede l’attraversamento dall’appennino ligure alle Langhe per arrivare ad Alba in occasione dell’inizio della Fiera del tartufo in questo weekend. Ricordo che siamo partiti dal Castello Rosso di Costigliole Saluzzo, poi giro nelle valli Varaita, Maira, Grana e Stura, un patrimonio di strade in questa zona al confine con la Francia unica nel suo genere”.

“Utilizziamo moto che ci ha fornito Suzuki Italia in diverse cilindrate e modelli – spiega Bruno – proprio per dimostrare che questi percorsi possono essere affrontati anche con mezzi stradali e addirittura con gli scooter tenendo presente che sono le cross-over i mezzi ideali condotti con tranquillità per godersi panorami, gusti, odori e profumi passando in mezzo alle vigne, agli ulivi, alla lavanda”.

Non più di 300 chilometri al giorno: “Non c’è nulla di estremo ma è un programma comunque denso di soste per foto, riprese di castelli, dimore storiche, natura, cultura. Questa è la prima pietra di un progetto che oltre i servizi e i reportage che verranno pubblicati prevede anche l’uscita di un libro dedicato a questi percorsi. Voglio ringraziare – conclude Fabrizio Bruno – gli enti di promozione, gli albergatori come Luigi Catto qui al Villaggio dei Fiori di Sanremo che si sono messi a disposizione e Suzuki Italia che ci ha fornito le moto”.

Articolo precedenteDiano Castello: recupero e valorizzazione dell’archivio storico da parte dell’amministrazione comunale in occasione della ‘Domenica di Carta’
Articolo successivoLa principessa Charléne di Monaco oggi operata alla testa. Altro intervento in anestesia totale, rinviato il ritorno nel Principato