francia frontiera

Non solo l’Italia aspetta la data del 26 aprile indicata dal nostro Governo come quella della graduale e prudente ripartenza. In Francia aspetteranno una settimana in più come ha confermato poco fa il portavoce del Governo, ma dal 3 maggio verrà tolto in tutto l’esagono il limite di 10 chilometri per gli spostamenti con la conseguente libertà di spostarsi ovunque sul territorio nazionale, e da quello stesso giorno le lezioni nei licei saranno in presenza totale.

Lo ha annunciato il giovane Gabriel Attal, 32 anni, delfino del presidente Macron, il quale ha aggiunto che “… si stanno vedendo gli esiti del confinamento e delle restrizioni anche se l’epidemia regredisce molto più lentamente che in autunno” in attesa di veder raggiungere il picco di quest’ondata nei prossimi giorni.

Nessuna certezza sulle date di riapertura delle attività commerciali e centri culturali, su quel punto resta l’annuncio di Macron che indicava genericamente la metà di maggio, e nessuna indicazione certa sulla riduzione o addirittura sospensione del coprifuoco ma è confermato che gli alleggerimenti potranno interessare solo alcune zone per volta a seconda della situazione pandemica.

Articolo precedenteLa dura vita del ristoratore in periferia. La ricetta di Alex Penna: “Contro la depressione, pensare alla soluzione e non al problema”
Articolo successivoCovid, raggiunte 500mila somministrazioni di vaccino in Liguria. Toti: “Vaccinarsi significa liberarsi dal virus”