Il governo presenti subito un disegno di legge per tutelare e garantire le imprese balneari, che da anni aspettano risposte concrete dal legislatore e ritiri impugnativa alle nostre due leggi regionali che vogliono tutelare la specificità delle imprese balneari e garantire il prolungamento fino a trent’anni delle concessioni demaniali. Un impugnativa sbagliata e dannosa”.

Lo chiederà l’assessore al Demanio di Regione Liguria e coordinatore del tavolo interregionale, Marco Scajola, al ministro del Turismo Marco Centinaio, domani mercoledì 10 ottobre, nel corso della due giorni a Rimini dedicata al settore balneare.

Un’occasione per rilanciare non solo sulla necessità di ritirare l’impugnativa contro le due leggi varate dalla Regione Liguria, che verrà discussa dalla Corte Costituzionale a novembre, ma di sollecitare il nuovo Governo all’adozione di un provvedimento nazionale che tutt’ora manca.

“Sono sicuro – dice l’assessore Marco Scajola – che il Ministro sarà sensibile, come lo è stato in questi anni, alle sollecitazioni mie e del settore balneare, che vanno nella direzione dell’adozione di una normativa nazionale di tutela delle imprese che fino ad oggi l’Italia non è riuscita a darsi. In questo modo si darebbe una risposta positiva alle tante famiglie, ai tanti lavoratori che non meritano di vivere in una situazione di incertezza, ma semmai meritano risposte concrete e precise per tutelarli e garantire loro un futuro. La Regione Liguria sarà sempre al fianco delle imprese balneari e per questo ribadiamo la ferma richiesta di vedere finalmente atti concreti a loro tutela”.