Ha spaccato in due la città di Imperia, tra favorevoli e contrari alla pedonalizzazione. Il progetto dell’isola pedonale in via Cascione risale ai primi anni del nuovo millennio, ma solo a fine 2015, tra mille polemiche, l’amministrazione Capacci decise di dare il via al progetto di restyling del valore di un milione di euro preliminare alla pedonalizzazione.

    Ne seguì addirittura un contenzioso con i commercianti spaccati tra il fronte del “no” e i favorevoli. Una querelle che non fece altro che spostare in avanti di sei mesi l’inizio del cantiere. Dal giugno scorso i lavori sono finiti, la principale arteria portorina si presenta sotto tutta un’ altra immagine  ma non sono finite le polemiche anche aspre. C’è chi si spinge a dire che le prossime elezioni si giocheranno in buona parte sulla cancellazione o meno dell’isola pedonale.

    Solo una diatriba tra favorevoli e contrari o dietro la guerra di via Cascione si nascondono interessi immobiliari dei soliti noti, vedi vendita del Palazzo dell’ex Banca d’Italia?