La Polizia di Stato ha individuato e denunciato due soggetti che, attraverso un uso distorto del web, truffavano le loro vittime con annunci inesistenti.

A cadere nella trappola stavolta sono stati due cittadini imperiesi che però hanno riferito il tutto alla Polizia di Stato, consentendo così di attivare subito le indagini informatiche tese a identificare i truffatori.

Nella specie, erano stati messi in vendita una marmitta per un motociclo, al prezzo di 320€, e una lavatrice, al prezzo di 179.99 €.

I malfattori hanno scelto dei famosi siti di annunci (Ebay e Subito.it) come luogo ove mettere a segno i loro colpi, circostanza che ha indotto le vittime a confidare sulla genuinità delle transazioni.

Dopo vari messaggi e il pagamento delle somme richieste, le vittime non sono più riuscite ad avere contatti con i presunti venditori che, cancellando le inserzioni, si sono resi irreperibili.

A seguito delle denunce della parti lese sono scattati gli accertamenti informatici della Polizia di Stato che, risalendo alle utenze telefoniche tramite gli indirizzi I.P. utilizzati, hanno consentito di individuare i due autori. Si tratta di L.M, classe 76, pugliese, ed M.G, residente a Pescara.

Entrambi sono stati denunciati per il reato di truffa. In corso ulteriori accertamenti volti a scoprire altre vittime dei due truffatori.