È stato individuato dalla Digos, l’autore della scritta “Tiburzi” e il danneggiamento della porta del Comune di Imperia.  

Gli investigatori della Digos al termine dell’attività investigativa, hanno dato un volto all’autore. Infatti un tale Tiburzi due settimane fa era stato identificato a Ventimiglia e deferito all’autorità giudiziaria per insolvenza fraudolenta in quanto avrebbe abbondato l’hotel dove stava senza pagare il conto. In quella circostanza il soggetto avrebbe dato segni di profondo malessere e un atteggiamento astioso nei confronti delle Istituzioni perché secondo lui colpevoli di non aver dato attenzione al suo stato di precarietà ed abbandono.

Tiburzi V. pluripregiudicato di 35 anni è stato bloccato dalla Squadra Volante di Imperia dopo aver rubato del cibo in un supermercato Condad.

Accompagnato in Questura, ha confessato il suo coinvolgimento nei fatti riguardante il danneggiamento della porta del Comune e della scritta.

Ha anche dichiarato ,di essere l’autore dei danneggiamenti mediante inserimento di colla all’interno delle fessure per il prelievo del denaro, ai danni degli sportelli bancomat delle filiali della Banca Nazionale del Lavoro e della Banca Intesa.

Tiburzi ha anche imbrattato la panchina dipinta di rosso in occasione della giornata internazionale contro la violenza sulle donne, scrivendoci sopra “Stato prende i soldi dalle prostitute in mazzette”, “Stato magnaccia”, “Comune mafioso a 100 metri”.

La ragione dei gesti, secondo l’autore, sarebbe stata dettata dal tentativo di attirare l’attenzione dell’opinione pubblica e delle Istituzioni, sulla sua attuale situazione di indigenza. Per tali fatti, il Tiburzi è stato deferito all’A.G. per danneggiamento ed imbrattamento e colpito da foglio di via obbligatorio per anni 3 da Imperia