L’amore per il mare di un preparato equipaggio di un’imbarcazione da diporto, ha reso possibile scrivere un’altra storia a lieto fine, portando in salvo, grazie alla tempestiva attivazione della catena del soccorsoco ordinata dalla Guardia Costiera di Imperia, una tartaruga “caretta caretta” di enormi dimensioni: peso 40Kg, lunghezza70cm e larghezza 50cm, localizzata a circa 5 miglia nautiche dal porto di Imperia in serie difficoltà natatorie.

Nel primo pomeriggio di domenica 17 giugno 2021, l’equipaggio del “Corsara” e l’Associazione “Delfini del Ponente”, su richiesta della Capitaneria di Porto di Imperia, sono intervenute senza ritardo e con viva passione per il mare, traendo in salvo l’animale in pericolo di vita che, successivamente, è stato sbarcato in banchina e stabilizzato, nel rispetto delle indicazioni del personale dell’acquario di Genova, a cui l’esemplare è stato affidato per le necessarie cure sanitarie. Dopo una prima visita, è stato accertato che l’animale era affetto da una grave forma di polmonite, che richiedeva immediate cure mediche. La tartaruga è stata ribattezzata col nome di “Vangelina”, come gesto di gratitudine nei confronti dei due giovani marinaie, Valentina e Angela, che hanno contribuito in maniera determinante a rendere possibile il successo dell’operazione.

È bene ricordare a tutti gli utenti del mare che spesso la solidale azione di tutti gli attori rende possibile il successo di alcune operazioni di soccorso, per cui in caso di ritrovamento in mare di questi esemplari in difficoltà, si ricorda, che è necessario avvisare la Guardia Costiera, oltreché porre la massima attenzione tenendosi a debita distanza durante la navigazione. Inoltre, è opportuno ricordare che in caso di avvistamenti di cetacei e altre particolari specie marine è opportuno segnalarne la presenza attraverso l’app #PlasticFreeGC.

Articolo precedenteBordighera: consegnato alla Chiesa Evangelica il fondo di solidarietĂ  della Giunta comunale
Articolo successivoSolo il 28% del personale scolastico ligure è vaccinato. Croci (Flc Cgil ) “Il dato peggiore d’Italia, rischiamo di non essere pronti a settembre”