La capogruppo del M5S in Consiglio comunale a Imperia, Maria Nella Ponte, ha oggi indetto una conferenza stampa per spiegare ai cittadini le 5 question time che avrebbe voluto discutere durante il Consiglio di ieri sera.

La decisione di non accettare le interpellanze è stata presa dal Presidente del Consiglio, Pino Camiolo, che ha ricevuto i documenti oltre i termini previsti dalla legge.

Durante la conferenza, la Ponte ha spiegato nel dettaglio l’oggetto delle question time, riguardanti la pulizia delle cunette stradali e delle caditoie, la manutenzione dei corsi d’acqua, la pulizia del Parco urbano e la mancata comunicazione dei dati Gps dei camion Teknoservice durante il servizio di raccolta rifiuti.

Per quanto riguarda la manutenzione dei corsi d’acqua nel territorio comunale, la Ponte chiede come mai non siano stati sgomberati i residui di materiale sfalciato dal torrente Impero, a seguito degli interventi di pulizia.

Sullo stato di degrado del Parco urbano, la consigliera chiede per quale motivo l’amministrazione “tolleri o non riesca a ottenere il pieno rispetto delle clausole contrattuali da parte dell’Appaltatore, anche in considerazione dell’aumento del canone mensile di circa 150.000 euro. (…) A tutt’oggi nulla è stato fatto, da mesi giacciono ai piedi della siepe lato Oneglia bottiglie di vetro e rifiuti vari, ed in particolare nessun intervento sulle caditoie è stato eseguito, sono ostruite da fogliame e sedimenti a ciò consegue il formarsi di estesi e prolungati ristagni di acque meteoriche con prevedibili cedimenti della pista pedonale”.

La question time sulla pulizia di cunette stradali e caditoie pone l’attenzione sulle spese a carico dei cittadini. La Ponte chiede come sia possibile che i cittadini debbano pagare due volte lo stesso servizio”, ossia per quale motivo tali interventi siano stati dati in appalto esterno per circa 42.000 euro, quando invece dovrebbero essere eseguiti dalla ditta Teknoservice.

Con l’interpellanza relativa ai dati GPS dei camion della Teknoservice invece, la consigliera del M5S chiede come mai non siano stati divulgati i dati del sistema di rilevazione satellitare che consente di conoscere il percorso effettuato per lo svolgimento del servizio.