Il M.A.C.I. Museo Arte Contemporanea Imperia presenta un imperdibile doppio appuntamento nell’ambito di POST PUNK SITUATION – la rassegna inaugurata nel capoluogo ligure Sabato 5 Maggio che fino a Domenica 8 Luglio coinvolgerĂ  la cittĂ  in due mesi di eventi all’insegna della cultura, della musica e dell’estetica Punk.

Nelle sale di Villa Faravelli – dimora storica sede del Museo di Arte Contemporanea – fino a Domenica 8 Luglio sarĂ  infatti possibile visitare l’allestimento curato da Alessandro Romanini, con le foto di John “Boogie” Tiberi – storico tour manager dei Sex Pistols – ed una sezione con filmati e documenti inediti dell’epoca: una vera immersione nelle atmosfere della Londra anni’70, una testimonianza visiva unica attraverso gli occhi di chi ha visto nascere il movimento Punk.

Ma è con il mese di Giugno che la rassegna POST PUNK SITUATION entrerà nel vivo, con una giornata indimenticabile per tutti gli appassionati del Punk.

Sabato 9 Giugno ci sarà infatti la presenza esclusiva per la prima volta ad Imperia di Glen Matlock. Lo storico bassista dei Sex Pistols, fondatore del gruppo e testimone di uno degli ultimi movimenti di controcultura del Novecento, incontrerà il pubblico in due momenti unici. 

Sabato 9 Giugno alle 10.30 Matlock – il bassista punk per eccellenza – terrĂ  infatti presso il salone di Villa Faravelli una masterclass a numero chiuso, rivolta a studenti di musica, musicisti ed appassionati che avranno la possibilitĂ  di partecipare ad un momento di formazione unico con un’icona della storia della musica.

Glen Matlock coinvolgerà le giovani generazioni di musicisti che avranno l’opportunità di scoprire “Cosa si può imparare da un Sex Pistol oggi”, raccontando loro il background culturale e politico di questo gruppo unico della storia del punk. Gli studenti saranno introdotti dal bassista dei Pistols alla scoperta dei segreti su “Come formare una band e scrivere una canzone di successo”. Matlock svelerà il suo metodo compositivo e i vari retroscena del mercato musicale e soprattutto i principi del “Do It Yourself” che hanno costituito la colonna vertebrale del movimento punk.

(per informazioni e iscrizioni: 0184.544633 / 347.0541590)

Nella stessa sera di Sabato 9 Giugno Glen Matlock, protagonista negli ultimi anni di eventi internazionali come il Glastonbury Festival, terrĂ  presso la splendida location de I Sognatori – club di Imperia che ospita importanti rassegne dedicate alla musica jazz ma non solo – un imperdibile live sulle note dei pezzi storici dei Sex Pistols e dei suoi piĂą recenti brani da solista. Un set intenso ed indimenticabile, ruvido e spontaneamente Punk.

Il concerto sarà preceduto da un’ottima cena a base dei prodotti tipici e genuini della Liguria, servita dall’esperto staff del locale.

(per informazioni e prenotazioni: 0183 63179)

GLEN MATLOCK
Glen Matlock è un musicista inglese, bassista e membro della formazione originale dei Sex Pistols, co-autore di molti dei brani presenti nello storico disco Never Mind the Bollocks, Here’s the Sex Pistols. Matlock si unisce a Steve Jones e Paul Cook nel 1972, quando il gruppo si chiamava ancora The Strand. e rimane nella band fino al 1977, pochi mesi prima della pubblicazione di Never Mind the Bollocks, Here’s the Sex Pistols, tornando in studio con la band per registrarne le tracce, sebbene Sid Vicious lo avesse giĂ  sostituito al basso. Subito dopo aver lasciato i Pistols forma il gruppo new wave The Rich Kids, in compagnia del chitarrista Steve New e del cantante Midge Ure, futuro membro degli Ultravox.. Nel 1979 Matlock suona insieme a Sid Vicious e a Iggy Pop, comparendo anche nell’album Soldier. Negli anni seguenti collabora con Johnny Thunders e forma vari gruppi, tra cui The Spectres e The London Cowboys. Nel 1990 pubblica la sua autobiografia, I Was a Teenage Sex Pistol, e forma i The Role Models con ex membri dei Public Image Ltd. Dopo aver pubblicato altri due album – uno con i The Philistines e il secondo, Who’s He Think He Is When He’s At Home? da solista – torna nella formazione riunita dei Sex Pistols per i tour del 1996 e del 2002.

 

 

 

 

 

 

 

Articolo precedenteTorna domenica la Grafondo Milano-Sanremo, la Classicissima del ciclismo amatoriale
Articolo successivoGiordano Sindaco: “Tanti successi in 5 anni. Il parcheggio dell’ex Molinari è il nostro fiore all’occhiello”