Imperia, preside Auricchia: "Al Vieusseux nessun caso di covid. No entrata alle 9 o rientri pomeridiani..

L’ingresso alle ore 9 nelle scuole superiori verrà adottato solamente in casi critici particolari. È quanto chiarisce il Ministero dell’Istruzione, che nella giornata di ieri ha diramato una nota in cui fornisce spiegazioni in merito alle misure per la scuola contenute nel nuovo dpcm.

Misure che non valgono in tutti i contesti e in tutte le circostanze. Le scuole secondarie di secondo grado potranno quindi adottare, “in caso di situazioni critiche o di particolare rischio comunicate dalle autorità sanitarie o dagli Enti locali”, ulteriori forme di flessibilità della loro organizzazione, quali l’incremento della didattica a distanza, turni pomeridiani e ingresso posticipato.

“Il Vieusseux si è avviato, compatibilmente con la situazione attuale, nel modo migliore – dichiara il dirigente scolastico del Liceo Vieusseux di Imperia, Paolo Auricchia. – È un mese che la scuola è cominciata, non abbiamo ancora avuto casi Covid, né tra il personale né tra gli alunni. Forse è stata fortuna, forse buona organizzazione, fatto sta che la scuola è un luogo sicuro. I contagi forse avvengono in altri contesti”.

La situazione più critica riguarda i trasporti locali: “È un settore che esula dalla nostra competenza – aggiunge il preside. – Certo dobbiamo coordinarci, noi diamo una certa elasticità di uscita. I rientri pomeridiani li facciamo online tramite la didattica a distanza, questo consente di non tenere i ragazzi fuori tutto il giorno, ad esporsi a rischi maggiori. Per il resto offriamo un servizio in presenza, in questo momento si è detto che la didattica a distanza deve essere complementare a quella in presenza.

Mi pare che le cose si siano avviate bene, nella nostra scuola in particolare, speriamo di poter continuare così“, conclude.