L’8 novembre, nel salone multimediale della Camera di Commercio Riviere di Liguria, sede di Imperia, è stato presentato il progetto pilota “Il Mare da Ponente”, sviluppato all’interno del progetto INTERREG Italia – Francia Marittimo “MA.R.E.”, di cui è capofila Regione Liguria, insieme a Camera di Commercio di Genova, Alfa Agenzia regionale per il lavoro e l’accreditamento, Provincia di Livorno, Camera di commercio Maremma e Tirreno, Aspal Sardegna, Camera di Commercio di Cagliari, Collectivitè de Corse, Chambre de Commerce d’industrie d’Ajaccio et de la Corse du Sud, Chambre de Métiers et de l’Artisanat Corse, Pole Emploi Provence, Regione Sardegna, Regione Toscana.

Il progetto pilota promuove la sinergia e il rafforzamento di sportelli di informazione ed assistenza per tutte le imprese, soprattutto le micro imprese, del territorio del ponente ligure. Le Associazioni di categoria presenti in provincia saranno protagoniste di questa attività con i loro sportelli e si occuperanno di assistere le imprese nella ricerca di finanziamenti e nei processi di revisione e di aggiornamento necessari per affrontare la ripartenza.

È infatti evidente che molte esperienze imprenditoriali, in tutti i settori, abbiano subito gli effetti negativi dalla pandemia e, per recuperare competitività, abbiano necessità di ripensarsi in termini di business, ottenere un migliore accesso ai finanziamenti e massimizzarne l’effetto.

L’azione pilota “Il Mare da Ponente” che tocca l’area imperiese, promuove l’attivazione di un protocollo d’intesa fra le Associazioni di categoria che implementeranno così i loro sportelli di assistenza.

La collaborazione tra le associazioni imprenditoriali rappresenta un obiettivo essenziale del progetto, in ragione anche della più ampia e trasversale capacità di collaborare con le istituzioni regionali in merito all’evoluzione delle politiche per il lavoro e l’occupazione del territorio.

Spiega l’assessore regionale al Lavoro Gianni Berrino: “Il protocollo di intesa che si avvia con il progetto pilota “Il Mare da Ponente” è voluto e pensato per consolidare il rapporto imprese e servizi per il lavoro, ponendo le Camere di Commercio e le Associazioni di categoria come elemento di collegamento e consolidamento di questo sistema. Le prospettive di sviluppo di questo sistema sta nell’ampliamento della rete, nel potenziamento dei servizi dei CPI e delle specifiche professionalità degli operatori. Dal progetto MA.R.E e dai progetti pilota che ne sono l’operatività sul territorio nasce questa sperimentazione che può rappresentare la base per lo sviluppo di progetti innovativi nell’ambito del sistema dei servizi per il lavoro in grado di dare risposte concrete alle sollecitazioni che sono arrivate e che arriveranno dal mondo delle imprese e delle loro rappresentanze”.

Commenta il presidente della Camera di Commercio Riviere di Liguria Enrico Lupi: “Questa iniziativa va nella direzione di rafforzare i collegamenti tra il mondo delle imprese, delle loro rappresentanze e gli enti istituzionali, linea da sempre seguita dalla camera di Commercio. In questa delicata fase di ripartenza le iniziative che sono finalizzate a sostenere le imprese e a creare nuove prospettive di occupazione sono fondamentali e meritano tutto l’appoggio ed il sostegno possibile. Dal progetto pilota “Il Mare da Ponente” può nascere un insieme di iniziative nuove specificatamente dedicate al sistema delle piccole e micro imprese che sono il tessuto sociale su cui si basa la nostra economia”.

Articolo precedenteEcosistema urbano, Imperia al 54° posto nella classifica delle città più green
Articolo successivoDanni da cinghiali, oltre 2.000 firme per la petizione di Cia Liguria. Il presidente Alberto: “Dopo la proposta di legge del Pd attendiamo le altre forze politiche”