video
02:50

È stato presentato questa mattina il progetto di razionalizzazione e riqualificazione dell’ex Caserma Crespi di Imperia. Presenti al sopralluogo il Sottosegretario di Stato alla Difesa Giorgio Mulè, il sindaco di Imperia Claudio Scajola, il direttore regionale dell’Agenzia del Demanio Giovanni Zito e le principali autorità locali.

Si tratta, nel dettaglio, di un progetto di rifunzionalizzazione di beni di proprietà dello Stato, destinato a soddisfare le esigenze logistiche di diverse Amministrazioni e ad abbattere i costi legati agli affitti passivi, che coinvolge il Comune di Imperia, l’Agenzia del Demanio, l’Agenzia delle Entrate, il Comando Provinciale della Capitaneria di Porto di Imperia, il Comando Regionale Liguria della Guardia di Finanza, il Comando Provinciale di Imperia – Legione Carabinieri della Liguria e il Ministero della Cultura (MiC).

Alla base dell’operazione c’è la sottoscrizione di un Protocollo di Intesa del settembre scorso che prevede di ricollocare funzioni pubbliche all’interno di immobili demaniali, in alcuni casi accorpando gli uffici in un singolo edificio come per l’Agenzia delle Entrate di Imperia, che potrà così chiudere due contratti di locazione passiva, generando ingenti risparmi di spesa, pari a circa € 560.000. Gli uffici dell’Agenzia delle Entrate, infatti, si trasferiranno in una porzione di nuova edificazione della ex Caserma Crespi, in sostituzione dell’edificio centrale che sarà demolito e ricostruito. Il MIC ha già liberato la Crespi, consentendo l’avvio dei lavori e l’attuazione del progetto condiviso e, una volta terminati gli interventi di rifunzionalizzazione sulla ex Palazzina Comando, riceverà in uso governativo una porzione dell’immobile da adibire a sede dell’Archivio di Stato di Imperia e Sanremo, con la conseguente chiusura di altre due locazioni passive e un risparmio di ulteriori € 60.000 annui. Il Comando Provinciale del Carabinieri, invece, lascerà l’attuale sede in affitto passivo per occupare la residua porzione del nuovo plesso in costruzione della Crespi, con un risparmio annuo pari a circa € 130.000 di canoni di affitto. Il Comando Regionale della GDF razionalizzerà l’attuale uso governativo dell’immobile demaniale Caserma De Amicis. Il Comune di Imperia, realizzerà a propria cura e spese la Palazzina alloggi, insistente sul demanio marittimo, suddividendola in 16 alloggi di servizio da assegnare agli ufficiali della Capitaneria di Porto, dei Carabinieri e della GDF.

A 6 mesi dalla firma dell’intesa si registrano le prime fasi esecutive dell’operazione tra cui la dismissione da parte del MiC della porzione dell’ex Caserma Crespi destinata all’Agenzia delle Entrate ed all’Arma dei Carabinieri ed il rilascio del finanziamento di 29,5 milioni di euro per la rifunzionalizzazione dell’immobile. Procede in linea con i tempi pianificati la progettazione della demolizione dell’Edificio Centrale e della nuova costruzione da parte dell’Agenzia del Demanio, che sta curando anche la progettazione architettonica della Palazzina alloggi, in sinergia con le amministrazioni coinvolte.

L’iniziativa rappresenta un modello virtuoso di collaborazione tra Istituzioni ed Enti territoriali in grado di attivare operazioni di rigenerazione urbana e di incentivare l’utilizzo e la riqualificazione di immobili pubblici sottoutilizzati, per generare risparmi sui costi degli affitti passivi, e al contempo efficientare il patrimonio secondo un modello di sviluppo sostenibile per il territorio.