video

Dalla lectio magistralis di Umberto Vattani su ‘Europa e giovani’ al premio città di Imperia San Leonardo, dal 21 ottobre al 26 novembre. Questi i limiti temporali del contenitore ‘Aspettando il centenario‘.

Una serie di eventi culturali, turistici e sportivi introdotta dall’amministrazione Scajola per fare da volano ai cent’anni della città, previsti per il 2023, e, al contempo, per tentare di arricchire un mese che storicamente non ha mai sorriso dal punto di vista turistico.

Questa mattina la presentazione ufficiale del calendario con il sindaco Claudio Scajola e gli assessori Marcella Roggero alla Cultura e Simone Vassallo a Sport e Manifestazioni che con il collega Gianmarco Oneglio, oggi assente perché impegnato fuori città, si sono occupati di stilarlo.

Detto dell’inizio e della fine con il premio cittadino che andrà a: Francesco Profumo presidente della compagnia di San Paolo che ha appoggiato il Comune per il ripristino dei giochi d’acqua di villa Grock, Diana Bracco che ha donato alla città l’imbarcazione ‘Beatrice’ e alla ditta di Chiusavecchia Fratelli Merano, tutto da gustare sarà ciò che starà in mezzo alle due date di apertura e chiusura.

Mostre: a palazzo civico su com’era la città, com’è oggi e come sarà e alla galleria rondò, eventi con ospiti di fama nazionale come Stefano Senardi e Luca De Gennaro con concomitante presentazione della collezione donata dal primo alla biblioteca, un tavolo di confronto con i giovani a villa Faravelli, una nuova scuola di vela legata proprio a ‘Beatrice’ che sarà anche protagonista di una terza mostra. Ancora eventi sportivi con camminate e corse, ma anche con le nazionali italiane, maschile e femminile, di pallanuoto che saranno impegnate, date ancora da confermare, alla ristrutturata piscina Cascione.

Da segnalare infine che all’interno del calendario è inserita anche la ventesima edizione di Olioliva che, come annunciato oggi dal sindaco, potrà tornare nella storica location di via Bonfante.

Nel videoservizio di Riviera Time le interviste a: Claudio Scajola, Marcella Roggero e Simone Vassallo.

Articolo precedenteL’incivilissima civiltà: la foce dell’Argentina tra aironi, cormorani e pittoreschi rifiuti
Articolo successivoSanto Stefano al Mare: anche il progetto Sea-ty partecipa alle Giornate Fai d’Autunno 2021