Dopo aver deciso di votare contro la pratica rifiuti nell’ultimo consiglio comunale, il Partito Democratico di Imperia, spiega il perchĂ© della sua decisione.

“Pur condividendo – spiega Gianfranca Mezzera, capogruppo del PD di Imperia – il principio di una graduale attivazione della raccolta rifiuti porta a porta, nel pieno rispetto del progetto giĂ  a suo tempo approvato dal Consiglio Comunale, la decisione del gruppo consiliare del PD di respingere la pratica sulla raccolta dei rifiuti, proposta dal sindaco, è stata presa sulla base delle seguenti argomentazioni: non era nĂ© specificato nĂ© quantificato, da un punto di vista temporale, il nesso tra la raccolta di prossimitĂ  (che dovrebbe essere transitoria) e la raccolta porta a porta che dovrĂ  essere la scelta definitiva.

Il gruppo di lavoro preposto – continua la Mezzera – aveva due compiti da svolgere: in primo luogo la pesatura, che è propedeutica a qualsiasi tipo di scelta, per determinare i costi dell’operazione e in secondo luogo l’analisi della capacitĂ  di Amaie Energia di formulare una proposta tale da motivare la scelta della gestione in house, che come è noto deve essere inviata al Mef per l’assenso definitivo.

Con la proposta presentata – afferma il capogruppo – il Consiglio Comunale non è stato messo in grado di conoscere i tempi del passaggio dalla prossimitĂ  al porta porta, ne i costi del periodo transitorio, che come sappiamo hanno una ricaduta tariffaria.

Le necessitĂ  contingenti non debbono ne possono appannare le scelte strategiche, che sono state decise dal Consiglio Comunale e portate avanti dall’Assessore De Bonis fino all’atto delle sue dimissioni.

L’affidamento in house e l’ipotesi di Amaie Energia ci vedono favorevoli. Occorre che, speditamente, – conclude la Mezzera – il gruppo di lavoro dia il parere richiesto dalla giunta comunale nel luglio 2017.

Noi siamo fortemente preoccupati per questi ritardi. Il primo cittadino deve mettere in condizione il Consiglio Comunale di deliberare secondo coscienza e conoscenza.”

Articolo precedenteStudenti francesi in gita ad Imperia: “Quante meraviglie”
Articolo successivoSan Valentino nel Ponente ligure, 5 luoghi romantici da visitare