Imperia, Marco Scajola sulle elezioni regionali

Voglio ringraziare le 7786 persone che hanno scritto il mio nome su una scheda elettorale“. Queste le parole di Marco Scajola a due giorni dalle elezioni che lo hanno visto al primo posto, a livello regionale, come numero di preferenze.

“Per me è motivo di orgoglio, di soddisfazione ma anche di grandissima responsabilità – prosegue – ‘Cambiamo con Toti presidente’ è primo partito in Liguria con il 22%, primo partito in provincia di Imperia con il 25%, primo partito in tutte le città del Ponente con un grandissimo risultato, dal 27% a Imperia al 43% a Taggia. Il nostro movimento ha segnato un passo straordinario e ha trainato la Vittoria di Toti in Liguria”. 

La conferenza stampa di questa mattina è stata anche l’occasione per parlare della campagna elettorale messa in campo dal sindaco di Imperia, Claudio Scajola, a sostegno del candidato Luigi Sappa: “A Imperia ho avuto una corazzata contro, però direi che i cittadini non si sono fatti condizionare. Volevano una politica nuova, una politica fatta da persone umili che lavorano in mezzo alla gente e per la gente, quindi mi hanno ripagato con un grandissimo consenso. Qui a Imperia ho preso il doppio dei voti che avevo preso nella scorsa elezione regionale. Non è una sfida tra me e mio zio Claudio, forse per lui la era. Non ho desideri di vendetta e non porto rancori, ogni tanto mi sono sentito attaccato quasi di più dai miei alleati che non dagli avversari, ma non sono mai caduto in provocazioni e ho sempre cercato di andare oltre“.

Sull’assegnazione delle deleghe in Regione aggiunge: “Ieri ho passato il pomeriggio con Toti ma non si è parlato di deleghe, si sta lavorando per trovare la quadra.

I moderati finalmente hanno una casa politica nella quale potersi identificare, Cambiamo si darà un’organizzazione territoriale, vogliamo coinvolgere gente. A noi interessa il fare, non l’apparire”.