video

“Vogliamo costruire una promozione turistica unitaria per la Riviera dei Fiori e rilanciare il suo storico marchio che ha oltre settant’anni”. L’amministratore unico della nuova Dmo che unisce: Confcommercio, Confesercenti, Confindustria e Camera di Commercio Riviere di Liguria, Marco Benedetti fissa l’obiettivo da perseguire fin da subito.

Oggi in conferenza stampa lo stesso Benedetti, il presidente camerale Enrico Lupi e l’assessore al Turismo di Regione Liguria Gianni Berrino hanno infatti annunciato la volontà di sottoporre ai comuni della provincia un programma di sviluppo turistico già da questo ottobre.

Proprio i comuni, con le loro tasse di soggiorno, porteranno fondi alla Dmo in base al noto patto per il turismo regionale.
“I tempi sono strettissimi per il 2022, ma pensiamo di proporre una prima bozza di interventi a tutti i comuni entro ottobre, di raccogliere eventuali suggerimenti e consigli per poter poi varare il definitivo e lavorarci da novembre – annuncia Benedetti. Voglio poi sottolineare che i comuni che vorranno potranno entrare a fare direttamente parte della compagine societaria”.

“Si tratta di un progetto importantissimo – dice Berrino. Rientra pienamente nella filosofia del patto per il turismo che vuole una promozione del territorio unito. L’offerta deve essere globale, tutti uniti è molto piĂą semplice e si massimizzano le risorse”.

“Abbiamo fortemente voluto questa Dmo – spiega Lupi. Vogliamo promuovere il brand Riviera dei Fiori in Italia e nel mondo. Siamo appena partiti e nel nostro immaginario dovranno poi entrare in societĂ  anche i comuni piĂą importanti. Abbiamo fatto un investimento finanziario di supporto che vogliamo traguardare nel tempo”.

Nel videoservizio di Riviera Time le interviste complete a: Gianni Berrino, Marco Benedetti ed Enrico Lupi.

Articolo precedenteGreen pass sui posti di lavoro, Toti: “Auspico provvedimento piĂą largo possibile, è battaglia di sicurezza e civiltĂ ”
Articolo successivoVentimiglia, mancato finanziamento del campo sportivo Morel: il PD risponde al vicesindaco Bertolucci