video

Sette auto, di cui sei ibride e una elettrica, per un totale di 55mila euro più iva. Il comune di Imperia rinnova così il proprio parco mezzi dismettendo, in contemporanea, tredici automobili ormai vetuste. Nel dettaglio si tratta di tre Lancia Ypsilon, tre fiat Panda e una Smart elettrica che sarà a uso della segreteria del sindaco Claudio Scajola.

Proprio il primo cittadino ha presentato oggi i nuovi mezzi consegnandoli, simbolicamente, ai dipendenti comunali e spiegando come l’obiettivo dell’amministrazione sia quello di puntare, sempre di più, su una mobilità green, elettrica tanto da annunciare la gratuità dei posteggi blu per le auto di questo genere, così come per le ibride plug-in.

“Dismettiamo tredici mezzi che avevano una media di anzianità di quindici anni – esordisce Scajola. Li sostituiamo con sette mezzi nuovi che sono ibridi e una elettrica. Abbiamo ottenuto costi di acquisto molto contenuti che fanno sì che tutto questo parco auto ci costi 55mila euro. Considerando le auto dismesse, i costi di bollo, assicurazione e manutenzione è un’operazione che facciamo a costo zero”.

Le auto saranno a disposizione dei vari settori con uno specifico, nuovo, modello organizzativo per l’utilizzo: “L’ho consegnato a ogni assegnatario – dice il sindaco. Qui sarà scritto chi prende il mezzo, quanti chilometri fa, quando si fa rifornimento e quando il mezzo si dismette per maggiore trasparenza. Abbiamo scelto auto ibride e full elettric perché vogliamo dare un forte stimolo al rispetto dell’ambiente anche attraverso i mezzi. A Imperia ci sono già sette colonnine elettriche e nel prossimo mese ne arriveranno altre dieci tra cui una nella zona del nuovo parco vicino alla stazione con un meccanismo di altissima potenza fino a 300 kw”.

Articolo precedenteDemanio marittimo, l’assessore regionale Scajola: “Confronto positivo con ministro Garavaglia, confermate linee guida 2020 anche per stagione 2021”
Articolo successivoCerimonia in ricordo della Conferenza di Sanremo del 1920. L’Ambasciatore di Israele: “Qui è nato l’embrione del nostro Stato”. Gemellaggio in vista con Netanya