Interviene il Sindaco Carlo Capacci sulla vicenda del deposito sequestrato all’interno del porto turistico di Imperia.

Durante un’ispezione nei giorni scorsi, la Guardia Costiera assieme alla Polizia Municipale ha scovato una presunta discarica abusiva di rifiuti speciali all’interno del magazzino.

Sotto inchiesta Roberto Balbo, presidente dell Go Imperia, la societĂ  pubblica che gestisce lo scalo imperiese.

In una nota stampa il Sindaco si schiera a difesa di Balbo e annuncia l’avvio di un’indagine interna alla societĂ , parallela a quella della Magistratura, per individuare le reali responsabilitĂ .

“Preciso scrive Capacci che l’informazione di garanzia ricevuta dal Presidente Balbo, lo coinvolge unicamente per responsabilitĂ  oggettiva quale legale rappresentante della Go Imperia, non venendogli addebitata in nessun modo alcuna responsabilitĂ  personali.

Al Presidente Balbo va tutto il mio incondizionato apprezzamento per l’opera che sta svolgendo assumendosi molti rischi personali per il bene della Città.

La gestione ‘pressapochista’ a cui fanno riferimento i creatori del disastro del Porto, ha, al contrario, consentito a centinaia di utenti di veder salvaguardato il posto barca pagato a caro prezzo e veder mantenuto, in emergenza e sicurezza, il porto della CittĂ .

Come auspicato dai creatori del disastro del Porto i Cittadini risponderanno nelle prossime elezioni amministrative, valutando le scelte di chi ha consentito a società fallite di incassare centinaia di milioni di euro, realizzando (male) il porto turistico con finanziamenti bancari garantiti dalle stesse opere non realizzate, e sapranno valutare l’operato di chi ha assunto la gestione in emergenza del porto, la continuità lavorativa dei dipendenti, altrimenti licenziati, nella transizione delle decisioni di Consiglio di Stato e Cassazione, rispettivamente sulla concessione demaniale e sul fallimento della Porto SpA.

Infine spero non passi il concetto che un locale aziendale con porta chiusa a chiave nel quale sono depositati rifiuti in attesa di essere correttamente smaltiti sia definibile discarica abusiva, altrimenti tutti i titolari di attivitĂ  artigianali, commerciali, industriali italiani che detengono materiali o sostanze in attesa di essere smaltiti presso i loro locali sarebbero a rischio di indagine e successivo processo.”

Articolo precedenteProclamati i finalisti de “Il corto in spiaggia”, la finale il 27 agosto al lido Idelmery di Arma
Articolo successivoControlli dei Carabinieri: due arresti e svariate denunce per furti e spaccio