Lui appena diciottenne, lei alla soglia della maggiore età. Eppure con un curriculum criminale già di tutto rispetto, per furto e ricettazione.

Sono questi i due soggetti che ieri hanno reagito in modo violento a un controllo di polizia.

Gli operatori dell’Ufficio Generale Prevenzione e Soccorso Pubblico, infatti, erano stati delegati dalla Procura presso il Tribunale per i Minorenni di Genova ad eseguire un sequestro dei telefoni cellulari e di altre eventuali apparecchiature elettroniche in uso alla ragazza, indagata nell’ambito di un altro procedimento.

I poliziotti, non trovando la ragazza presso il proprio domicilio, hanno controllato a casa del fidanzato.

Alla vista degli operatori, che avevano specificato il motivo del loro intervento, i due hanno da subito mostrato un atteggiamento ostile e provocatorio, offendendoli con frasi e parole ingiuriose.

Non contenti il ragazzo ha aizzato i propri cani che teneva nel giardino di casa contro gli operatori.

Impossibilitati a instaurare un dialogo, gli agenti hanno chiesto l’intervento della Volante che ha scortato i due presso la Questura di Imperia per gli accertamenti.

Il ragazzo è stato arrestato per resistenza a pubblico ufficiale e il Tribunale di Imperia, nell’udienza odierna, ha convalidato l’arresto imponendo al soggetto l’obbligo di firma, con la prescrizione di recarsi, due volte al giorno, presso la locale Questura per adempiere a tale disposizione del Giudice.

La ragazza, invece, è stata denunciata in stato di libertà per la medesima condotta e deferita alla Procura presso il Tribunale per i Minorenni di Genova.