video
03:53

“Ognuno porta la sua qualità e voglia di cercare di applicare quanto appreso dalla nostra scuola per creare prodotti dal profilo straordinario che possano accattivare il grande pubblico”. Con questo spirito, delineato dal presidente Lucio Carli, ha preso il via questa mattina il sesto meeting internazionale degli assaggiatori Onaoo.

A ospitare l’importante appuntamento dedicato all’olio extra vergine d’oliva il Museo dell’Ulivo Carlo Carli a Imperia che si conferma così capitale del prodotto.

Onaoo, Organizzazione Nazionale Assaggiatori Olio di Oliva, è la più antica e famosa scuola di formazione in campo oleario e in questi tre giorni ospiterà circa sessanta assaggiatori da tutto il mondo: Olanda, Stati Uniti, Canada, Turchia, Grecia, Svizzera, Belgio, Danimarca, Norvegia, Germania ed Estonia tra le nazioni presenti.

“Una tre giorni intensa di assaggi e degustazioni di nuovo insieme dopo due anni di pandemia – spiega Carli a Riviera Time. Ritrovarci è davvero qualcosa di importante e molto piacevole. Si lavorerà fino a domenica con tanti professionisti e con la nostra scuola che vuole veramente insegnare a tutti l’arte dell’assaggio. Da questi momenti nasce la crescita culturale che Onaoo vuole continuare a fare”.

Il presidente si esprime poi anche sul ritorno turistico per la città: “Oggi abbiamo circa sessanta persone da tutto il mondo. Con i nostri corsi portiamo tantissima gente qui che viene a scoprire perché proprio Imperia. Mi diverto molto a raccontare il motivo. Qui è nata l’Onaoo nel 1903 e prima c’era un distretto oleario importantissimo con moltissimo commercio di olio e tutti dovevano saperlo assaggiare. Portare gente a Imperia e dare loro la possibilità di scoprire la nostra vocazione e il nostro saper fare ci dà l’orgoglio di poter dire che viviamo in una terra meravigliosa”.