maci villa faravelli

Il M.A.CI. Museo Arte Contemporanea Imperia prosegue gli eventi dell’estate 2019 – che vedranno avvicendarsi appuntamenti dedicati alla musica, all’arte e alla cultura – con un evento assolutamente inedito.

GiovedĂŹ 11 Luglio dalle ore 17.00 alle ore 01.30 il parco e gli interni di Villa Faravelli ospiteranno la seconda tappa della prima edizione del DUST OFF DAYS FESTIVAL, festival itinerante di musica, arte e cultura.

Dopo la prima serata che ha visto un’inaspettata riappropriazione degli spazi del chiostro San Bernardino di Albenga, gli organizzatori scelgono lo spazio del Museo di Arte Contemporanea di Imperia per presentare un progetto unico e site specific che aprirà la location alla città, rivolgendosi sopratutto ad un target di giovani amanti dell’arte e della musica.

Il progetto nasce da un’idea e ad una collaborazione tra Edoardo Grosso e Rafael Lanzone Valiente – organizzatori di realtĂ  artistiche del Ponente Ligure – e Matteo Scavetta, responsabile del gruppo FAI Giovani della delegazione Albenga-Alassio.

La visione prende forma dalla maturata consapevolezza delle potenzialitĂ  dell’ambiente e del territorio, in un’ ottica di sviluppo inclusivo e sostenibile. Lo spirito motore della manifestazione è infatti il profondo desiderio di dimostrare come le risorse artistiche, architettoniche e paesaggistiche di un territorio siano di inestimabile valore per la fruizione e l’apprezzamento di eventi di alto interesse culturale – palcoscenici naturali e “vivi” che non fungono solo da scenario di fondo, ma condizionano attivamente le proposte culturali che ospitano.

Dust off è allora un chiaro invito a “rispolverare” consapevolezze, appartenenze e bellezze del territorio, attraverso un percorso di riqualifica e partecipazione inclusiva.

Il progetto sceglie infatti proprio la Liguria come trampolino di lancio per farsi conoscere: una sfida territoriale in una regione da sempre contesa tra mare e montagna, costellata di luoghi turistici e culturali ancora tutti da scoprire e “rianimare”, di spazi dei quali la collettività viene invitata a riappropriarsi – come il M.A.C.I. di Villa Faravelli.

I Dust Off Days si propongono di quindi di includere il pubblico in una partecipazione alle attività culturali proposte (da mostre di arte contemporanea, a talk, da dj set e mercatini di artigianato vintage) invitando la collettività non solo a rispolverare siti storici inesplorati della regione, ma anche a riqualificarli con l’intervento della sua presenza.

Non a caso il dialogo con le realtà cittadine locali (comuni, commercianti, abitanti) ha consentito un ulteriore arricchimento dell’evento, gettando le basi per un’auspicabile continuità di collaborazione.

Musica, arti visive, workshop, happenings, confluiscono allora in questo festival poliedrico e multi sfaccettato, sotto l’insegna dell’inclusività.

Le scelte musicali e artistiche, lo staff giovanissimo e il nome stesso della manifestazione sono un chiaro invito a riscoprire le bellezze architettoniche e naturali di una terra e a valorizzarle con il valore aggiunto dell’arte e della cultura, per ritrovare un senso di appartenenza comune e coinvolgente, per cui tutti si possano sentire custodi e depositari dei beni culturali del proprio territorio.

Giovedì 11 Luglio dalle 17.00 alle 01.30, appuntamento allora con la seconda giornata del festival al M.A.C.I. di Imperia. La musica e l’intrattenimento si svolgeranno nel parco di Villa Faravelli, che ospiterà il duo di DJ milanese Eternal Love, anche conosciuti come Pacifico & Federico, il DJ di casa Andrea Introvigne, James Falco della crew sanremese Adventures e il francesce DJ Smooth da Menton. Ad animare il tutto il talentuoso gruppo di danza break-dance Fresh’n’Clean.

All’interno del museo, nella Sala del Pianoforte, dalle 18.30 alle 21 si svolgerà il concerto live jazz di Charlie & Scillo Quintet, mentre nell’atrio saranno esposti ‘in un profondo dialogo di Carta’ le opere di Edvige Cecconi Meloni, Mattia Maio e Marco Baj, che realizzerà un allestimento site specific ad hoc ispirandosi alle opere di Carlo Nangeroni (autore presente nella Collezione permanente Architetto Lino Invernizzi ospitata al museo).

All’esterno del parco verranno inoltre allestite postazioni drink & food, chill e vintage markets: con un unico biglietto cumulativo di 12,00 euro sarà possibile dalle 17.00 in poi prendere parte a tutte le attività proposte dal Festival, oltre a poter visitare la Collezione permanente Architetto Lino Invernizzi – che vanta opere di mestri dell’arte astratta del Novecento, da Lucio Fontana a Gerhard Richter, da Enrico Castellani a Josef Albers.

Compreso nel biglietto di accesso sarĂ  inoltre prevista una prima consumazione, e fino alle 19.30 un cono di fritto Dust Off.

Articolo precedenteSanremo, a gonfie vele la stagione ai Bagni Buena Onda
Articolo successivoUil Liguria porta l’Asl 1 e le amministrazioni intorno al tavolo: ospedale nuovo, sanitĂ  e privati al centro del convegno