storno

Prosegue e si intensifica la raccolta di informazioni da parte delle aziende agricole e degli agricoltori non professionali sull’impatto dello storno per le coltivazioni con la sistematizzazione dei dati a cura del Settore Fauna selvatica, caccia e vigilanza venatoria. Ad annunciarlo il vice presidente e assessore regionale all’Agricoltura Alessandro Piana.

“Un’operazione che non prevede oneri a carico del bilancio regionale – aggiunge il vice presidente Piana – decisamente utile per poter valutare l’effettiva entitĂ  degli storni e le conseguenze per le produzioni, in particolar modo olivicole, vitivinicole e di frutti autunnali. Approvato anche il modulo aggiornato di segnalazione danni, che giĂ  in passato ha consentito la predisposizione di un piano di prelievo in deroga alla specie nell’areale spezzino”. 

Articolo precedenteOspedaletti, 530mila euro per il primo lotto di interventi sul Rio Crosio: lavori su argini, alveo e fognatura
Articolo successivo“Io gioco per la Lilt”: torneo benefico di tennis ad Arma di Taggia questo fine settimana