consiglio regionale liguria

Di seguito il resoconto del Consiglio regionale del mattino:

Dibattito sulle comunicazioni del presidente Toti sull’andamento vaccinale

La prima parte della seduta ha riguardato il dibattito sulle comunicazioni del presidente della giunta con delega alla sanità Giovanni Toti sull’andamento vaccinale, illustrata nella seduta del 25 maggio scorso.

Luca Garibaldi (Pd-Articolo Uno) ha rilevato la necessitĂ  di un monitoraggio dei soggetti a rischio che devono essere ancora vaccinati e ha avanzato alcune proposte in merito. «Occorrono ancora azioni straordinarie per il recupero delle fasce over 70 e 80 – ha detto – ripristinando l’utilizzo ancora maggiore dei medici di medicina generale, introducendo centri vaccinali mobili e costruendo una campagna di sensibilizzazione attraverso gli operatori del Terzo Settore e de servizi sociali». Garibaldi ha suggerito un meccanismo diverso per le vaccinazioni sul posto di lavoro e ha posto l’attenzione sull’immunizzazione nel settore scolastico. Il consigliere ha chiesto, inoltre, «linee dedicate per ampliare il numero dei care giver immunizzati», la possibilitĂ  di effettuare «prenotazioni last minute» e, infine, di favorire le somministrazioni monodose per determinate categorie di persone.

Roberto Centi (Lista Ferruccio Sansa presidente) ha rilevato che «c’è stata una prima fase vaccinale largamente deficitaria e una seconda fase dove abbiamo assistito ad una grande accelerazione per merito della Giunta, di ALiSa e del Governo». Il Consigliere ha rilevato una scarsa trasparenza in Liguria sulle categorie di persone vaccinate e ha ricordato l’iniziale incapacitĂ  di utilizzare tutte le dosi ricevute. Anche Centi ha sottolineato la necessitĂ  di un ulteriore coinvolgimento dei medici di medicina generale, di uno snellimento delle procedure di prenotazione e di disdetta rilevando che occorre colmare le carenze su studenti e insegnanti. «Riconsideriamo, infine, il ruolo delle Regioni – ha concluso – rispetto allo Stato».

Fabio Tosi (Mov5Stelle) ha auspicato che «anche in futuro ci sia un confronto fra giunta e Consiglio, che è fondamentale su questa materia, un confronto – ha sottolineato – che è mancato dal marzo 2020». Tosi ha aggiunto: «Dobbiamo essere pronti giĂ  in anticipo, come stanno facendo altre Regioni, per una possibile terza dose o richiamo perchĂ© – ha detto – non possiamo e non dobbiamo correre il rischio di perdere tempo quando sarĂ  definita la terza dose. Questa – ha specificato – è una prioritĂ  del futuro». Tosi, infine, ha sottolineato: «Dobbiamo destinare importanti risorse per la copertura vaccinale degli operatori turistici, per l’abbattimento delle liste di attesa, la riapertura in tutti gli ospedali dei reparti e di servizi fondamentali, come i punti di primo intervento, che oggi sono ancora chiusi»

Il presidente della giunta con delega alla sanitĂ  Giovanni Toti ha aggiornato sui dati dell’andamento vaccinale annunciando, fra l’altro, che questa mattina, dopo l’apertura ieri sera della nuova campagna Astra Day sono giĂ  state registrate 13mila prenotazioni. Il presidente ha ricordato che la Liguria riesce a somministrare fini al 96% delle dosi consegnate quindi «andiamo avanti in modo spedito». Il presidente ha ritenuto condivisibili molte delle osservazioni emerse nel dibattito e ha rilevato che la Regione sta  organizzando una campagna per convincere a vaccinarsi coloro che sono rimasti scettici e sulla necessitĂ  di raggiungere anche coloro che non sono iscritti all’anagrafe vaccinale, e ha citato le persone senza fissa dimora, i migranti e i crocieristi non italiani oggi. Rispetto ai crocieristi Toti ha aggiunto: «Ho dati la disponibilitĂ  al Commissario Figliuolo  di utilizzare gli hub genovesi a questo scopo». Rispetto alla vaccinazione di nuove categorie il presidente ha invitato a tenere presente che, fra il numero di dosi consegnate e quelle somministrate, il margine di manovra per altre categorie, oltre a quelle previste dallal programmazione nazionale, è molto stretto. Il presidente ha poi sottolineato i ripetuti richiami alle Regioni della struttura commissariale a rispettare le indicazioni nazionali. Comunque il presidente ha dichiarato che la percentuale di cittadini vaccinati fino al 31 maggio è del 41,01 per cento per la prima dose e che la profilassi è stata conclusa per il 21,43%.  Â«In una settimana, grazie al primo Open day Astrazeneca – ha aggiunto – abbiamo vaccinato il 5,6% della popolazione fra prime e seconde dosi». Toti ha poi illustrato le intenzioni del Commissario per procedere, dopo un confronto con i pediatri, con la vaccinazione degli studenti fra i 12 e 16 anni, che dovrĂ  concludersi prima della fine dell’anno scolastico rilevando che, vista la situazione demografica in Liguria, «non saremo messi in difficoltĂ  da questa ulteriore pratica». «Rispetto alla chiusura dei grandi hub abbiamo dato indicazioni alle asl di individuare luoghi idonei, per mantenere un presidio Covid uno in ogni provincia, quindi – ha detto – non ci sarĂ  una smobilitazione sul territorio».

Progetto di ricerca mineraria della societĂ  Energia Minerals

Claudio Muzio (FI-Liguria Popolare) ha presentato un’interrogazione in cui ha chiesto alla giunta di tutelare l’ambiente e l’attuale modello di sviluppo messe in campo dai territori interessati dal progetto di ricerca mineraria “Monte Bianco”. Muzio ha ricordato che il piano interessa Sestri Levante, Ne, Casarza Ligure, Castiglione Chiavarese, Maissana e Varese Ligure nella Provincia della Spezia, per un totale di 8243 ettari e che l’area presenta una serie di vincoli, anche sovrapposti, di tipo ambientale e paesaggistico.

L’assessore alle attivitĂ  estrattive Marco Scajola haricordato che, rispetto al caso specifico, la Regione si è espressa in modo contrario al progetto, ma ha rilevato che la legge nazionale non consente alle singole Regioni di poter decidere in autonomia rispetto ai competenti ministeri e ha lanciato un appello a tutte le forze politiche per convergere su una modifica della norma statale: «Vorremo avere gli strumenti legislativi per poter decidere sul nostro territorio – ha concluso – quello che riteniamo opportuno».

Aiuti alle famiglie

Sergio Rossetti (Pd-Articolo Uno) ha presentato un’interrogazione, sottoscritta da tutto il gruppo, in cui ha chiesto alla giunta di farsi carico della povertĂ  in cui sono precipitati molti nuclei familiari, con misure di sostegno economico a fondo perduto. Rossetti ha ricordato che in Lombardia è stato approvato il bando “Protezione Famiglia” che sostiene le famiglie in difficoltĂ  per l’emergenza sanitaria attraverso un contributo di 500 euro una tantum a fondo perduto fino ad esaurimento delle risorse disponibili che ammontano a 32 milioni.

L’assessore alle politiche sociosanitarie Ilaria Cavo ha ricordato le iniziative assunte dalla giunta per le famiglie in difficoltĂ  durante l’emergenza, fra i quali i contributi alle famiglie durante il primo lock down sanitario, per la disabilitĂ , per le baby sitter, per l’assistenza a domicilio, i voucher per i centri estivi. «Ovviamente stiamo pensando, in base alla capienza del Fondo sociale europeo – ha concluso  – a nuove misure possibili per il prossimo autunno».

Spazi nella succursale a Chiavari del Liceo linguistico Da Vigo-Nicoloso

Luca Garibaldi (Pd-Articolo Uno) ha presentato un’interrogazione, sottoscritta dai colleghi del gruppo, in cui ha chiesto alla giunta di trovare una soluzione adeguata alle richieste di nuove aule per la succursale del liceo linguistico Da Vigo di Rapallo a Chiavari  Il consigliere ha ricostruito la complessa vicenda e tutte le alternative provvisorie attualmente al vaglio in attesa della nuova sede definitiva in via Castagnola che, fra tre anni, avrĂ  18 aule e  3 laboratori.

L’assessore alla scuola Ilaria Cavo ha sottolineato che con l’apertura del nuovo anno scolastico ci saranno tre prime classi per ottenere 9 classi sul triennio e che Città metropolitana ha deciso per la collocazione temporanea del liceo linguistico al terzo piano del Liceo Luzzati.L’assessore ha spiegato che i lavori di adeguamento sismico della sede definitiva in via Castagnola partiranno a giugno e si concluderanno nell’estate del 2022. L’assessore ha annunciato, l’intenzione di creare un polo scolastico a Chiavari che potrebbe essere individuato nell’area della Colmata.

Residenze artistiche 

Gianni Pastorino (Linea Condivisa) ha presentato un’interrogazione in cui ha chiesto alla giunta di aderire all’Accordo di Programma Interregionale Triennale sulle Residenze artistiche, cogliendo l’occasione della finestra che si aprirĂ  entro il mese di ottobre del 2021, per gli anni 2021-2023. Pastorino ha ricordato che nel 2021 il MIC ha confermato il finanziamento di 2 milioni e 118 mila euro per le 14 regioni che partecipano al programma e che entro ottobre 2021 si aprirĂ  la prossima finestra per aderire all’accordo.

L’assessore alla cultura Ilaria Cavo ha sottolineato che le residenze «sono un fattore di arricchimento per gli spettacoli dal vivo» e che per il 2021 è all’attenzione della Conferenza Stato-Regioni una proposta di modifica dell’accordo relativa alle norme che regolano il settore e che, dunque, occorre attendere il nuovo decreto che, presumibilmente, riguarderà il triennio 2022-24. L’assessore ha manifestato la disponibilità della giunta ad aderire al piano triennale 2022-24.

Tamponi gratuiti a insegnanti e operatori presso le farmacie di comunitĂ 

Luca Garibaldi (PD-Articolo Uno) ha presentato un’interrogazione, sottoscritta dai colleghi del gruppo, in cui ha chiesto alla giunta di consentire agli operatori scolastici, agli studenti (anche universitari) e ai lavoratori dei servizi pubblici essenziali la possibilità di usufruire periodicamente di tamponi antigenici gratuiti nelle farmacie di comunità. Il consigliere ha ricordato che Toti il 29 aprile aveva annunciato la possibilità di svolgere i tamponi nelle farmacie per aumentare la capacità di monitoraggio del sistema regionale.

L’assessore alla cultura Ilaria Cavo ha letto una nota di ALisa in cui si precisa «che attualmente non è previsto un servizio gratuito presso le farmacie per queste categorie, ma non sono escluse successive evoluzioni».

Potenziamento del reparto di Neuropsichiatria infantile del Gaslini

Il Consiglio regionale ha approvato all’unanimità un rodine del girono, presentato da Sergio Rossetti (Pd-Articolo Uno) e sottoscritto da tutti i gruppi, che impegna la giunta a prevedere un incremento dell’attività del reparto di Neuropsichiatria infantile rendendo adeguato il reparto sotto il profilo strutturale, valutando l’adeguatezza del numero di operatori e lo sviluppo dell’equipe multidisciplinare medico-infermiere-oss-psicologo-educatore-tecnico della riabilitazione psichiatrica –assistente sociale e, infine, a prevedere un percorso di formazione continua per lo sviluppo delle competenze in considerazione delle caratteristiche cliniche in continua evoluzione dei pazienti in età minore.

Articolo precedenteRitorna il servizio interno e al banco, Carla Piccardo: “Aspettavamo questo momento, i clienti hanno risposto bene”
Articolo successivoClaudia Lolli neo-presidente della Sinfonica di Sanremo: “ContinuitĂ  al lavoro svolto sinora, il nuovo Auditorium e la gestione del Palafiori le sfide da affrontare e vincere”