Custodito all’interno dell’Oratorio della Santissima Annunziata a Diano Marina, uno dei luoghi di culto più antichi del Ponente ligure, il presepe dei confratelli si rinnova ogni anno con statuine e ambientazioni ispirate alla tradizione.

Muschio fresco e rocce realizzate con il sughero fanno da sfondo al tema della Natività, posto in primo piano anche dal punto di vista ideologico. Più lontano e con statuine più piccole, il villaggio e i fedeli che si avvicinano sul ponte insieme al proprio gregge.

A stupire lo spettatore, alcuni effetti speciali realizzati dal confratello Augusto: luci e suoni simulano una notte tempestosa, alternandosi ad atmosfere diurne più tranquille.

Molte le peculiarità che si possono osservare da vicino, come il laghetto realizzato grazie a una particolare tecnica insegnata da un mastro presepaio, in cui uno spesso strato di plexiglass rivestito di gel riscaldato permette di simulare la superficie di uno specchio acqueo.

Il presepe viene allestito ogni anno nel mese di novembre, e rimane aperto fino all’estate successiva in modo da attirare turisti e visitatori all’interno dell’Oratorio. Qui sono conservati i resti di alcuni affreschi quattrocenteschi raffiguranti scene di vita della Vergine Maria.