Il messaggio di Biancheri ai sanremesi: "Godiamoci la famiglia e rispettiamo le regole per poter ripartire"

“Questo 2020 è stato un anno difficile, complicato sotto ogni aspetto. Io mi concentrerei sui ringraziamenti a tutte quelle persone che ci hanno accompagnato e sostenuto con il loro lavoro e la loro passione. Mi rivolgo ai tanti volontari, agli operatori sanitari, alle forze dell’ordine, a tutti quelli che hanno difeso e continueranno a difendere il nostro territorio anche durante queste feste”.

Non vuole dimenticare nessuno Alberto Biancheri, sindaco di Sanremo, nel suo messaggio di saluto e di auguri di buone feste.

“Siamo alle porte di un 2021 che deve farci tornare a vedere la luce, ancora qualche mese con la campagna di vaccinazione e poi sarà l’anno della ripartenza e noi faremo di tutto per non lasciare indietro nessuno”.

“In questi ultimi due mesi – dice Biancheri – ho notato una maggiore attenzione e senso civico da parte dei miei cittadini che sono aspetti fondamentali. Un Governo può emettere i Dpcm, una regione o un comune possono emanare ordinanze ma se non c’è una presa di responsabilità collettiva non se ne esce da questa situazione. Bisogna continuare così anche con questo Natale diverso che ci impone ancora piccoli sacrifici che però non ci devono pesare dato che ci aiuteranno a ripartire”.

“Rispetto a fine ottobre e novembre l’aspetto sanitario sta migliorando – conferma il Sindaco di Sanremo – e se vogliamo tornare ad alzare le saracinesche, ad accogliere ed ospitare i turisti ognuno di noi deve rispettare le norme per il bene di tutto un intero territorio”.

“Le regole da rispettare le conosciamo bene tutti quanti e la prima situazione da evitare sono gli assembramenti. Lo dobbiamo non solo per noi stessi ma anche nei confronti dei nostri genitori, dei nonni. Se non rispettiamo le regole dobbiamo essere coscienti che mettiamo a rischio la vita di altre persone, dei nostri cari. Evitiamo di fare sbagli e viviamo un Natale che quest’anno sarà di riflessione”.

Non ci saranno i fuochi d’artificio di Capodanno – conferma – nè veglioni o feste in piazza. Bisogna cercare di apprezzare altre cose proprio come è accaduto durante il primo lockdown come il piacere di stare a casa in famiglia. Ovviamente non vediamo l’ora di tornare ad uscire e socializzare ma non sottovalutiamo gli aspetti positivi e la riscoperta dei valori in ambito famigliare”.

“Quello che mi auguro per il 2021 è che ci siano tante cose da fare ma che siano diverse da quelle cui ci siamo dedicati ultimamente. Parlo di grandi eventi, di promozione, di quello che deve fare una città turistica come Sanremo e riprendere quanto abbiamo lasciato dopo un febbraio 2020 di enorme successo grazie ad un’edizione fantastica del Festival”.

“Le date del prossimo Festival restano confermate dal 2 al 6 marzo per il momento. Molta cautela invece per il Corso Fiorito, un evento che raduna qualche decina di migliaia di spettatori con tutte le complessità del caso. Punteremo con più certezze sulla Milano-Sanremo”.

“In chiusura voglio mandare un abbraccio sincero a tutti i sanremesi – termina Alberto Biancheri – e augurare loro buone feste: ce la faremo, nel 2021 ci sarà la ripartenza. Forza Sanremo!”