Il fascino del bosco di Rezzo in autunno nel nuovo videoclip di Chiara Ragnini ‘La sera è ormai notte’

È uscito lo scorso 16 ottobre, su tutte le piattaforme digitali, il nuovo disco della cantautrice ligure Chiara Ragnini, dal titolo ‘Disordine’. Quattro brani che parlano di amore e di affetto, registrati in autonomia nei mesi di lockdown con piano elettrico, chitarra e voce.

“Avevo bisogno di ritrovare un po’ di ordine nel caos, sia interiore che fisico – spiega l’artista. –  Era una necessità viscerale quella di fare un passo indietro, di dare vita a quattro canzoni che fossero davvero intime. La musica è sempre una compagna di viaggio, un’amica, per cui spero che chi ascolterà questo EP si possa ritrovare nelle canzoni, si possa lasciare andare e, perché no, commuovere”.

Un abbraccio fra il pop e la canzone d’autore: così Chiara Ragnini definisce la sua musica. “Cerco sempre di dare vita a canzoni che possano essere fruibili, sia dal punto di vista musicale che dei testi – aggiunge. – Non mi sento particolarmente commerciale ma non credo che questo sia un difetto, in un momento in cui siamo tempestati da produzioni spesso tutte uguali. Ho cercato di distinguermi in qualche modo dando vita a quattro brani intimi, essenziali, che hanno l’obiettivo di arrivare dritti al cuore. In cantiere c’è un nuovo album, l’obiettivo è di pubblicarlo il prossimo anno. Continuerò con la strada dell’acustico però con venature più elettroniche, per dare giusto una veste maggiormente radiofonica che forse a questo disco manca”.

A breve uscirà il videoclip del brano ‘La sera è ormai notte’, primo singolo estratto da Disordine, il cui testo è un ispirato riadattamento di una poesia del giornalista e filosofo piemontese Fulvio Romano. Le riprese, in via di ultimazione, sono state fatte nel bosco di Rezzo sotto la regia di Cagliostro. Il video, prodotto dalla “Ithil Factory“, verrà pubblicato nei prossimi giorni.

“Il messaggio è di non perdere la speranza – conclude Chiara – e di farlo cercando uno stimolo attraverso le canzoni. La richiesta, in questo momento, è di sostenere i piccoli artisti e le piccole produzioni acquistando i lavori che si trovano in rete sui siti ufficiali dei vari artisti. Vogliamo portare un messaggio di positività attraverso la musica”.