video
06:41

Il Centro di Solidarietà l’Ancora è una Cooperativa Sociale onlus che ha caratterizzato una parte importante della propria storia nell’area di cura, riabilitazione e inserimento sociale per persone con problemi di dipendenza patologica, e in attività di prevenzione rivolta a giovani, genitori e insegnanti.

A raccontarci quanto portato avanti in questi anni l’attuale vicepresidente Diego Cricca che abbiamo incontrato per un’intervista.

“L’Ancora è stata costituita nel gennaio del 1984 con l’obiettivo generale di contrastare i fattori del disagio giovanile e con un obiettivo specifico di offrire proposte concrete di cura e riabilitazione per i giovani del territorio che rimanevano invischiati nei meccanismi della tossicodipendenza – racconta Cricca. – Da allora la cooperativa ha maturato un’ampia esperienza di accoglienza, trattamento e riabilitazione di persone con problemi di dipendenza, gestendo centri di accoglienza diurna e residenziale, comunità terapeutiche residenziali e specialistiche”.

Le strutture per le dipendenze patologiche che “l’Ancora” oggi gestisce sono:

  • C.T. Riviera Flowers” a Ventimglia, in via Sant’Anna 146, struttura accreditata per 46 posti residenziali e rivolta a persone con problemi di dipendenza patologica, con particolare riferimento alle politossicomanie e alcoldipendenza;
  • C.T. specialistica “Villa Fanny” a Imperia, in via Roncati-Carli 173, struttura accreditata per 19 posti residenziali, che accoglie persone con problemi di dipendenza patologica unitamente a quadri di morbilità psichiatrica di intensità media e medio-elevata (purché compatibili con la vita di comunità);
  • 5 gruppi-appartamento, di cui uno a Vallecrosia (IM) e 4 a Imperia, che accolgono persone che, avendo terminato percorsi riabilitativi di tipo residenziale, necessitino di un supporto ulteriore, anche a medio e lungo termine.

“Nel 2017 L’Ancora ha assorbito la cooperativa ‘Coopera’ con tutte le sue attività, autorizzazioni, automezzi e attrezzatura operando così nei settori: edile, agricolo, servizi, ecologia e ambiente – spiega il vicepresidente. – Nel complesso si può dire che la cooperativa ha lo scopo di perseguire l’interesse generale della comunità, alla promozione umana e all’integrazione sociale dei cittadini attraverso un’attività di gestione dei servizi socio-sanitari ed educativi destinati a persone che, per difficoltà e problematiche psichiche e/o fisiche derivanti da stati patologici o dall’età, necessitano di supporto e assistenza nel compimento di percorsi riabilitativi e di inserimento sociale e lavorativo”.

Nel video-servizio di Riviera Time, l’intervista completa al vicepresidente Cricca.

Articolo precedentePronto soccorso Saint Charles, l’amministrazione di Bordighera partecipa alla II Commissione Regionale sulla sanità. Il sindaco Ingenito: “Ricevuto rassicurazioni, siamo soddisfatti”
Articolo successivoCovid, Toti: “Boom di prenotazioni vaccino. In cinque ore 18mila prenotazioni per terze dosi nella fascia 40-59 anni. Più di 231mila dalla partenza della campagna”