video
02:15

Ad Andagna da alcuni anni esiste un piccolo luogo pensato e creato dai suoi abitanti. A ridosso della strada che risale il paese fino alla sua sommità un bellissimo belvedere si crogiola al sole della valle Argentina. Da qui, comode panche e una fresca fontana accolgono preparando il visitatore allo splendido panorama che da qui si può godere.

Ecco infatti spalancarsi dinanzi a noi tutta l’alta valle Argentina, con affaccio diretto sulle valli del rio Corte e Capriolo. Si possono ammirare quasi tutte le cime delle Alpi Liguri comprese nel nostro territorio regionale e una grande porzione del Parco delle Alpi Liguri.

Da destra svetta su di noi il Carmo dei Brocchi (1610 mt.) e a seguire la linea dei monti che dal Monega (1887 mt.) scendono alla galleria del Garezzo innevata (1795 mt.). Dirimpettaio di Andagna è il paese di Corte, di cui da qui si scorgono le chiese della Madonna del Ciastreo e di San Bartolomeo.

Nel fondovalle appare quasi nascosta la Montà di Molini di Triora, mentre poco sopra il famoso borgo delle streghe appare adagiato sui contrafforti del monte Trono (1182 mt.). Dietro a Triora sbucano le cime del Pietravecchia (2039 mt.) e del Toraggio (1972 mt.) nella confinante val Nervia. Tornando verso destra ecco il Grai (2013 mt.) e cima Marta (2137 mt.), mentre proprio di fonte a noi svetta il monte Frontè (2151 mt.) di cui si scorge la madonnina sulla cima. A sinistra la cresta continua fino a risalire al monte Saccarello (2201mt.), cima della Liguria incastonata in questo grande spettacolo alpino.

Articolo precedenteImperia: via Ballestra cambia volto, 2 milioni e 450mila euro per restyling e nuova ciclabile
Articolo successivoCovid: 469 nuovi positivi in Liguria, 34 ricoveri in 24 ore. Due decessi