I freschi aromi del gin "Taggiasco" partono alla conquista dell'estate
play-rounded-outline
03:12

 

Paolo “Caf” Boeri dell’oleificio “Roi” di Badalucco lancia il “Taggiasco”, un gin aromatizzato con olive locali, frutto di un’alleanza imprenditoriale con un ristoratore torinese e un esperto botanico.

La materia prima per questo distillato, ovvero le bacche di ginepro, è raccolta dalle montagne dell’Alta Val Susa, su ripidi pendii dove le piante sono soggette a intense nevicate. Le olive sono invece fornite dagli alberi dei vicini appezzamenti della Valle Argentina.

Siamo molto soddisfatti del prodotto che abbiamo fatto, perché questo anno e mezzo di lavoro ci sta premiando perché abbiamo un prodotto “scafato”, nel senso che è buono in tutte le sfaccettature”, afferma Paolo, il quale conclude: “Per il futuro stiamo puntando verso l’estero, ma stiamo facendo tutto con calma: per esempio in Italia non lo abbiamo dato a nessun grande distributore, ma lo stiamo curando noi zona per zona. E’ un prodotto che comunque ha un valore alto, e quindi bisogna cercare di darlo a tutte le persone che riescono a promuoverlo a dovere”.