lombardi - bregolin

Fratelli d’Italia, a Sanremo tramite ordine del giorno del Consigliere comunale Luca Lombardi e a Diano Marina tramite mozione del presidente del Consiglio comunale Francesco Bregolin, interviene sull’invasione della Russia in Ucraina. Di seguito il testo.

“PREMESSO che

– la crisi Ucraina di queste ore, che sta destando grande apprensione e angoscia nella comunitĂ  internazionale, rappresenta uno degli eventi piĂą drammatici della storia recente dell’Europa;

– l’invasione dell’Ucraina avviene in spregio ai valori fondamentali della nostra Costituzione che ripudia ogni guerra come strumento di offesa alla libertĂ  dei popoli e come mezzo di risoluzione delle controversie internazionale;

– non diversamente l’atto unilaterale di aggressione della Russia ai danni della Ucraina avviene in spregio al diritto internazionale, quale strumento di risoluzione giuridica dei conflitti;

– è necessario che la ComunitĂ  internazionale reagisca in termini proporzionati all’offesa a tutela della indipendenza e della inviolabilitĂ  dell’Ucraina;

– allo stesso modo è doveroso che la politica Italiana concordemente predisponga una linea politica e economica finalizzata a preservare gli interessi nazionali dagli inevitabili riflessi economici che comporterĂ  la guerra russo – ucraina;

– nondimeno è necessario intervenire in termini di cooperazione internazionale per scongiurare la prevedibile catastrofe umanitaria ai danni della popolazione civile ucraina;

IMPEGNA

il Sindaco e la Giunta comunale

ad attivarsi presso il Governo italiano affinché vengano intraprese tutte le iniziative volte

· a condannare con ogni misura ed in ogni sede internazionale l’unilaterale aggressione militare perpetuata ai danni dell’Ucraina;

· a richiedere che l’Europa e gli Stati membri coordinino un intervento umanitario per l’accoglienza dei profughi ucraini a seguito della guerra che sta flagellando la popolazione;

· a richiedere un intervento europeo volto alla creazione di un fondo per introdurre meccanismi economici di compensazione per riequilibrare i danni che le singole nazioni europee subiranno per vie delle sanzioni imposte alla Russia e delle conseguenti controsanzioni;

· a creare una cabina di regia nella quale coinvolgere una rappresentanza delle aziende energivore e le governance dei colossi energetici (ENI – ENEL) per valutare soluzioni e proposte utili ad arginare i catastrofici effetti economici che si determineranno per via della crisi di approvvigionamento energetico da parte della Russia;

· ad intervenire prontamente incrementando la spesa attuale per il dispiegamento delle forze militari internazionali, garantendo il 2 per cento delle manovre finanziare per gli stanziamenti NATO;

· a garantire tempestivamente lo stato di rifugiati ai cittadini ucraini che ne facciano richiesta”.