Golfo Dianese, archiviata l'estate: Weitzenmiller (Confcommercio): "Giudizio positivo."

“Nonostante le dinamiche del Covid a Diano Marina possiamo dire che la stagione è andata bene.”

Con queste parole Franca Weitzenmiller, presidente Confcommercio Golfo Dianese commenta l’estate 2020. Un’estate molto particolare caratterizzata dall’emergenza sanitaria e una situazione complessa dal punto di vista economico per molte famiglie.

Un giudizio che nonostante tutte le difficoltà è positivo e arriva dopo quello altrettanto favorevole dei balneari.

La concessione del 30% in più del suolo pubblico ha aiutato tantissimo i ristoranti e i bar. Il settore della moda ha purtroppo perso tutta la primavera, le feste, i matrimoni, ma ci siamo ripresi,” prosegue Weitzenmiller.

“Anche settembre era partito bene. Ci eravamo organizzati per prolungare la stagione, ma il nostro migliore cliente in questo periodo è sicuramente lo svizzero. Con l’ultima disposizione con la quale la Svizzera chiede la quarantena a chi è stato in Liguria, abbiamo assistito a un vero crollo. Molti alberghi hanno dovuto chiudere, ma il danno è globale e si estende al commercio e alla ristorazione.”

Stando ai dati forniti dal presidente dianese di Confcommercio le perdite del 2020 rispetto lo scorso anno si assestano comunque intorno al 40%, nonostante i buoni mesi estivi. Un calo che a seconda del settore va dal 30% al 50%. A pesare, ovviamente, i tre mesi di lockdown.

“Ci auguriamo – prosegue – che durante l’inverno le giornate miti invoglino anche gli italiani a scendere durante il weekend.”