Chi dona aiuta concretamente gli altri, soprattutto chi è più debole e al momento di maggior bisogno. È questo l’intento dell’Union Riviera Rugby.

Il concetto di sostegno dei rugbisti dell’union Riviera è la donazione di sangue che è stata programmata per il giorno 9 Maggio nel centro di raccolta sangue FIDAS in via Don Abbo 12 a Imperia. 

In questa giornata dedicata si recheranno a donare il sangue gli atleti i tecnici e i tesserati della società union Riviera Rugby, con programmazione organizzata degli orari come richiesto dalla normativa vigente per garantire a tutti i donatori la massima sicurezza nel donare.

L’iniziativa fortemente voluta dalla società è volta a sensibilizzare la popolazione al dono.

In questo periodo particolarmente delicato in cui stiamo vivendo, dove è crisi economica e tutto diventa difficile e complicato, bisogna dimostrare coraggio e generosità e sostegno verso gli altri ed è con questo spirito che si porta avanti questa bellissima iniziativa con FIDAS.

L’impegno di questi corsari, così chiamati i giocatori della Union, si allinea alle tantissime iniziative di solidarietà che i più famosi rugbisti stanno intraprendendo nel mondo.

“Non sono solo giocatori, ma si vogliono distinguere anche per il loro grande cuore e la  grande umanità. Questo è il rugby.. sempre in prima linea .. sempre in attacco .. sempre a cercare un punto debole dell’avversario. Donare sangue è un segnale forte e importante, in questo momento, invitiamo tutti gli sportivi, le società, i tecnici a portare avanti questo importante messaggio con il cuore. “Esserci e sostenere” questo è il nostro motto!!! Noi in FIDAS siamo orgogliosi di avere nelle nostre file di donatori sportivi con questa tempra pronti ad aiutare il prossimo in ogni occasione,” commenta Fidas Imperia.

Articolo precedenteCoronavirus, Toti: “Chiediamo al Governo di ripartire e il potere di farlo secondo i bisogni dei territori. Non possiamo aspettare”
Articolo successivoSanzione per l’iniziativa degli acconciatori, Confartigianato: “Stiamo seguendo il ricorso per l’annullamento. No a speculazioni da propaganda elettorale”