Si celebra oggi, lunedì 15 marzo, la Giornata nazionale del Fiocchetto Lilla, dedicata ai disturbi del comportamento alimentare. In Liguria, nel 2020, sono stati 806 i percorsi di presa in carico attivati per ipazienticon disturbi dell’alimentazione nei vari setting assistenziali (trattamento ambulatoriale, day hospital e ricovero ospedaliero), di cui: 106 in Asl 1, 180 in Asl 2, 245 in Asl 3, 48 in Asl 4, 135 in Asl 5, 32 all’UO Dietetica e Nutrizione clinica dell’Ospedale Policlinico San Martino e 60 all’Istituto G. Gaslini.

I disturbi dell’alimentazione presentano una genesi multifattoriale nella quale si intrecciano con modalità e gravità diverse, aspetti nutrizionali e organici, psichici e sociali, ne deriva quindi la necessità di attivare una rete di servizi sanitari specialistici per garantire risposte assistenziali adeguate.

Secondo il Piano nazionale di prevenzione, i Disturbi alimentari costituiscono oggi una delle emergenze sanitarie piĂą preoccupanti dell’emisfero occidentale, anche alla luce dell’abbassamento dell’etĂ  del loro esordio, fino a interessare i bambini nei quali si registra una prevalenza pari a circa l’1% di anoressia e bulimia.

“I disturbi del comportamento alimentare colpiscono prevalentemente i ragazzi, che inoltre hanno maggiormente sofferto durante questo lungo anno di pandemia da Covid-19, con un aumento del disagio giovanile anche in relazione a queste problematiche – sottolinea Giovanni Toti, presidente e assessore alla SanitĂ  di Regione Liguria -. In Liguria abbiamo professionisti molto preparati per affrontare anche le situazioni piĂą complesse legate ai disturbi del comportamento alimentare ma è fondamentale da un lato agire sulla prevenzione e, dall’altro, intervenire ai primi segnali, per intercettare precocemente il disturbo nella fase iniziale”.

La presa in carico del paziente con disturbi alimentari prevede un progetto terapeutico costituito da più interventi, modulati fra loro nell’ottica del trattamento integrato, al fine di prendersi cura del paziente nella sua interezza somatica e psichica.

I livelli di intervento, a seconda della gravità del quadro clinico, sono molteplici e prevedono una fase diagnostica e una successiva presa in carico riabilitativa multidisciplinare integrata. I livelli di trattamento devono rispondere all’intensità assistenziale del paziente, garantendo pertanto la continuità assistenziale tra i vari setting di cura.

In Liguria tutte le Aziende sociosanitarie prevedono un Ambulatorio specialistico per la presa in carico dei pazienti con disturbi alimentari, si tratta del primo livello di cura a cui possono accedere tutti i cittadini. Inoltre, Asl 2 e Asl 5 hanno attivato Day hospital riabilitativi; il ricovero ospedaliero riabilitativo è garantito invece dal Centro per i Disturbi dell’adolescenza e dell’Alimentazione di natura psichica, afferente al Dipartimento di Salute Mentale della Asl 2 (ospedale Santa Corona di Pietra Ligure), che rappresenta il Centro di riferimento regionale dedicato alla diagnosi e alla riabilitazione dei disturbi dell’adolescenza e dell’alimentazione.

Gli interventi a livello regionale:

– in data 26 luglio 2019 è stata approvata la Legge regionale n. 16 “Disposizioni a favore del contrasto dei disturbi dell’alimentazione e della nutrizione e per la promozione e formazione del personale sanitario” che, tra le altre indicazioni, prevede all’art. 7 l’adozione di Linee di indirizzo per la presa in carico dei pazienti affetti da disturbi dell’alimentazione e della nutrizione;

– in data 20 febbraio 2020 è stata adottata la Deliberazione di Alisa n. 48 che, in ottemperanza alla Legge regionale n. 16/2019, approva le “Linee di indirizzo organizzative regionali per la presa in carico dei pazienti con disturbi dell’alimentazione”. L’adozione di queste linee di indirizzo organizzative a livello regionale è stato un passaggio fondamentale per individuare criteri di accesso uniformi per la presa in carico dei pazienti con disturbi dell’alimentazione, modulati in base alla fascia di etĂ  del soggetto, a seconda della gravitĂ  del quadro clinico e dell’intensitĂ  assistenziale, conformi alle linee guida e raccomandazioni internazionali e nazionali presenti in letteratura, in un contesto in cui diverse specializzazioni, professioni e aree d’azione, sono implicate nella presa in carico attiva e globale della persona che presenta un disturbo dell’alimentazione.

Articolo precedenteDiano Marina: in piazza del Comune una nuova bacheca con i sentieri trekking, trail running e mtb del Golfo dianese
Articolo successivoSanremo: lo Zonta Club dona una ‘tenda degli abbracci’ alla Croce Rossa, verrĂ  utilizzata nelle Rsa che ne faranno richiesta