video

Oggi, 18 dicembre, è la Giornata Mondiale dei Diritti del Migrante. Un momento di riflessione importante in un momento storico nel quale la migrazione è un fattore quotidiano e diffuso.

La Caritas Diocesana Ventimiglia-Sanremo offre assistenza ai migranti che giungono nel Ponente ligure. Nei centri come quello di Casa Papa Francesco a Sanremo o a Ventimiglia dove spesso arrivano i migranti per tentare di oltrepassare il confine e proseguire il loro viaggio in Francia. “In Provincia di Imperia sono più di 700 le persone richiedenti asilo – spiega Maurizio Marmo, direttore della Caritas Diocesana Ventimiglia-Sanremo – Purtroppo il numero delle persone che in Italia ricevono una risposta positiva è limitato, circa il 20% in questi mesi. Parallelamente, i rimpatri sono minimi: è una situazione che andrebbe gestita a nostro parere in modo diverso, per favorire l’inserimento delle persone”.

Il 2019 ha rappresentato significative variazioni nel sistema di accoglienza in Italia. In particolare la rimozione della protezione umanitaria, differente dall’asilo politico, che ha messo in una condizione di incertezza moltissime persone che spesso erano in Italia da anni. Molti i migranti in questa situazione che giungono a Ventimiglia. “La situazione è numericamente più bassa rispetto ai picchi di 2 o 3 anni fa però il passaggio è continuo – spiega Marmo. – Sono molti quelli che vengono respinti dalla Polizia francese, anche 50 o 100 al giorno, ma di fatto questo dispositivo di controllo alla fine risulta inutile, perché la maggior parte delle persone poi riprovano e alla lunga riescono a proseguire il loro viaggio. Abbiamo quindi questo fenomeno del passaggio però c’è anche un alto numero di persone che rimangono a Ventimiglia e che cerchiamo di assistere con uno sportello giuridico-legale di orientamento al lavoro”.

La Giornata Mondiale dei Diritti del Migrante è stata istituita dall’Onu nel 2000. La data coincide con l’adozione della Convenzione internazionale sui diritti di tutti i lavoratori migranti e dei membri delle loro famiglie avvenuta il 18 dicembre 1990.