[beevideoplayersingle videourl=”https://vimeo.com/194995503″]È giovane, piena di entusiasmo e di energia. Ha intuito che la rivoluzione vera è credere in se stessa e che fare della cultura una professione è ancora possibile.

Gioia Quicquaro, storica dell’arte, è specializzata in Beni Storico-Artistici alla Galleria Nazionale di Palazzo Spinola di Genova e al Museo Civico di Sanremo dopo un percorso di formazione affrontato all’Università degli Studi di Genova.

‘La Mongolfiera’, la galleria che ha da poco aperta a Sanremo, è una vera e propria scommessa.

Gioia ha voluto puntare pressoché esclusivamente sull’arte moderna e gli artisti contemporanei, insistendo anche sulla ceramica per avvicinare il maggior numero possibile di appassionati.

“La Mongolfiera – dichiara Gioia Quicquaro – intende diventare un punto di riferimento nel Ponente ligure: per gli artisti, per i giovani che vogliono iniziare a realizzare una loro collezione, per gli intenditori, per gli appassionati. Il desiderio è quello di realizzare un luogo giovane, dinamico, non destinato alla sola vendita dell’opera d’arte, ma anche uno spazio dove promuovere cultura, scambi, riflessioni e dialoghi multidisciplinari attraverso gli artisti e le loro opere.”

Tra le ultime esposizioni quella dedicata al genovese Raimondo Sirotti e la promozione del quadro “Criminal Heart”, per sensibilizzare sul tema della violenza contro le donne, di Fulvio Bernardini, in arte “Fulber”.

Articolo precedentePromozione del territorio, Razzani: “Basta campanilismi, è l’unione che vince”
Articolo successivoSanremo: città d’arte, non solo Città dei Fiori